Assegnata all’Italia l’organizzazione della prossima edizione dei World Skate Games 2024

BUENOS AIRES– Ai World Skate Games Argentina 2022 in corso a Buenos Aires l’Italia vince dentro e fuori dalle piste di gara. Nella giornata di ieri infatti a Buenos Aires è stata assegnata all’Italia l’organizzazione della prossima edizione dei World Skate Games 2024.

La decisione, presa nel corso del Congresso della Federazione internazionale World Skate, premia la Federazione Italiana Sport Rotellistici che, unitamente a Sport e Salute S.p.A., si era candidata con il progetto di portare il più grande evento internazionale per gli sport rotellistici nel cuore di alcune tra le più suggestive città d’arte ed aree di interesse d’Italia, attraverso una manifestazione diffusa che oltre a rappresentare una grandissima opportunità per l’immagine del nostro paese, avrà un significativo indotto economico. Tra le sedi che ospiteranno la manifestazione anche l’Abruzzo, con l’Aquila in prima linea, dopo il successo ottenuto dal recente Campionato Europeo di pattinaggio Corsa.

“Per l’edizione dei World Skate Games Italia 2024 – dichiara il Presidente FISR Sabatino Aracu con soddisfazione – prevediamo almeno 80 paesi partecipanti dai cinque continenti, più di 6.000 atleti, 150 titoli mondiali in tutte le nostre dodici discipline.

Stiamo già pensando alle piazze che ospiteranno gli oltre 600 eventi dei nostri sport urban, giovani e sostenibili, tra le quali Roma, Firenze, L’Aquila.

L’Italia è abituata ad organizzare grossi eventi e sono sicuro che per i WSG sapremo fare squadra e rendere ancora più interessante il calendario delle grandi manifestazioni sportive che il nostro paese ospiterà nei prossimi anni!”.

Ma ieri è stato anche il giorno più intenso del lungo programma di gare per l’Edizione 2022 dei mondiali in corso a Buenos Aires.

Molti i titoli assegnati in ben cinque discipline. l’Italia arricchisce il suo medagliere con i due argenti del pattinaggio Corsa conquistati dalla pescarese Asja Varani e da Riccardo Ceola, nelle gare dei 200 metri sulla pista di Vicente Lopez.

L’abruzzese del Roling Bosica Teramo riesce a fornire una prova come sempre molto convincente, dando tutto in pista.

L’oro sfuma solo per pochissimi centesimi, in una 200 combattutissima fino all’ultimo centimetro. Il titolo mondiale va Sheila Munoz per la Colombia che si aggiudica anche il bronzo con Kerstinck Sarmiento.

“Dispiace aver perso l’oro di pochissimo – ha detto Asya Varani a fine gara – L’argento mondiale è comunque un grande risultato – Il nostro sport è così. Si può perdere anche di centesimi. Nelle prossime gare cercherò di dare il massimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.