Avezzano, arrivati all’interporto i primi 300 profughi dall’Afghanistan

Avezzano – La Task force della Asl ha iniziato le prime somministrazioni anti covid, affiancata da mediatori culturali per dialogare con  gli ospiti. Questa notte,  all’Interporto di Avezzano, sono arrivati i primi 300 dei complessivi 1200 profughi dall’Afghanistan da assistere e trattare sul piano sanitario.

La Asl è presente con oltre 15 operatori per somministrare le prime vaccinazioni anti covid che saranno precedute da un’altra operazione, consistente nell’attribuzione del codice temporaneo di assistenza. Tutta l’attività di accoglienza sanitaria fa capo alla task force allestita appositamente dal Dipartimento di prevenzione della Asl al fine di gestire al meglio la complessa gestione dei numerosi profughi.

Gli operatori dell’azienda sanitaria, peraltro, psaranno affiancati dai mediatori culturali che serviranno a dialogare con le persone da accogliere in modo da avere la loro piena collaborazione durante le operazioni.

Oltre alla task force della Asl, ai fini dello svolgimento di tutte le altre operazioni logistiche, saranno presenti gruppi militari che assicureranno un lavoro in comune e integrato in base alle rispettive competenze.