Avezzano, Furti scippi e rapine. Arrestati dalla Polizia due Rom residenti in città

AVEZZANO – Rom residenti ad Avezzano arrestati dalla Polizia, con la misura del carcere, perché accusati di essere autori di furti rapine ed estorsioni commessi negli ultimi mesi in città.

Nella serata del 19 dicembre scorso, gli agenti del Commissariato Polizia di Avezzano hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Procuratore della Repubblica  di Avezzano nei confronti di M.B., di anni 44,  e M.F., di anni 38, entrambi appartenenti alla locale comunità rom. Gli arresti sono stati emanati a seguito di una complessa e delicata indagine, che ha consentito di avere elementi e riscontri incontestabili, che hanno permesso di assicurare alla giustizia gli autori di reati contro il patrimonio, furti, rapine ed estorsioni, che destano notevole allarme sociale fra a popolazione.

Nella stessa serata, gli uomini della Polizia  hanno arrestato anche una giovane ventenne, S.G., già destinataria del provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dai suoi familiari, in quanto responsabile di reati di aggressioni e minacce nei confronti dei congiunti. Nello specifico , la ragazza, violando le prescrizioni della misura restrittiva cui era sottoposta, è stata sorpresa nella flagranza di reato, mentre offendeva, minacciava e strattonava un suo congiunto che nel frattempo era riuscito a richiedere l’intervento della volante attraverso il numero di emergenza 113. Al termine delle formalità di rito, l’arrestata  è stata accompagnata presso il carcere femminile di Teramo, a disposizione dell’A.G. procedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.