Avezzano. Lorenza Panei: «In bilancio comunale sostegno a famiglie e riduzione Tari ai commercianti»

AVEZZANO – Equità sociale, diritto allo studio: questi gli obiettivi della prima delle proposte di deliberazione che la consigliera Lorenza Panei del gruppo PD, si sta impegnando a portare dinanzi alla giunta Comunale affinché approvi, con carattere di urgenza, ai sensi dell’art 175 c.4 del D. Lgs. 267/2000, una variazione di bilancio per costituire un fondo comunale di circa 100.000 € da utilizzare per dotare quelle famiglie che, avendo alunni in didattica a distanza e impossibilitati ad acquistare personalmente strumenti informatici, connessioni internet e devices potranno contare sul fondo per entrare in possesso delle necessarie strumentazioni.

 I periodi di crisi tendono ad acuire le differenze sociali  e  sempre a scapito delle categorie più deboli,  ragion per cui appare quantomeno  doveroso da parte di una politica attenta ai bisogni dei cittadini, una cura e un’attenzione costruttiva rivolta proprio a loro;  a riguardo, la consigliera, raggiunta al telefono, ha così   sostenuto la sua istanza:” la politica con la P maiuscola, quella di cui io mi sono sempre occupata,   ha rivolto continua attenzione alle  situazioni precarie, alle categorie deboli   e  alle persone in difficoltà; io devo dunque  ascoltare le richieste che pervengono dalle famiglie  e dare loro risposte. Ancor di più se si considera che quegli studenti potrebbero esser figli di persone le cui attività sono state chiuse per disposizioni governative”.

Naturalmente il provvedimento di sostegno, qualora andasse in porto la deliberazione, “riguarderebbe prioritariamente gli alunni frequentanti la scuola dell’obbligo, poiché è quella dove maggiormente si fa sentire il bisogno quando quest’ultimi dovessero andare in DaD e considerato che le scuole superiori sono state già destinatarie di fondi per acquisto di strumenti informatici e connessioni da cedere agli alunni. L’assegnazione dei materiali avverrebbe a fronte di precisi criteri quali la scuola frequentata, il reddito, non aver ottenuto in precedenza materiali informatici. Il fondo di cui la Panei chiede la costituzione potrebbe essere composto attingendo dal capitolo di spesa previsto per il sociale. 

E veniamo alla seconda proposta di deliberazione: riduzione della TARI – Tassa Rifiuti dal 25 al 50% per tutte quelle attività penalizzate dalla chiusura causata dall’emergenza sanitaria.  Tale provvedimento è stato adottato già da svariati comuni italiani, introducendo modifiche all’interno dei regolamenti comunali, in percentuali diverse, variabili dal 15 al 50% ma sempre  con lo scopo di  venire incontro ai titolari di quelle attività che – causa Covid – o hanno dovuto chiudere battenti o  hanno prodotto lavoro sottomisura.; “la sospensione del pagamento  della TOSAP – Tassa  Occupazione  Suolo e Aree Pubbliche  è del tutto insufficiente” – ha proseguito la consigliera  –  a compensare le perdite causate da mancato introito per chiusura attività, così come previsto dai vari DPCM che si sono avvicendati da marzo ad oggi  e  regolarmente  poste in atto dai titolari delle attività.

E’ del 27 u.s. la notizia che l’ultimo Decreto ristori ha destinato all’Abruzzo 9 milioni e 335mila euro che    dovranno essere distribuiti dalle amministrazioni alle famiglie per far fronte ai primari bisogni di quelle famiglie che, in questo triste periodo, sono sprovviste della sufficiente liquidità per acquistare beni di prima necessità.  I comuni pubblicheranno sul loro sito web una pagina dedicata, all’interno della quale sarà possibile cercare i requisiti per accedere ai buoni spesa e, in caso di possesso degli stessi, procedere ad inviare a domanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *