Avezzano. Lunedì tour abruzzese della ministra Paola De Micheli

Il programma, con orari e luoghi di incontro, predisposto dal Pd

AVEZZANO – La Ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli sarà lunedì in Abruzzo su iniziativa del suo partito, il Pd, che ha organizzato un vero e proprio tour che approderà anche nella Marsica, ad Avezzano, dove la fame di infrastrutture, utili e moderne, è atavica e mai soddisfatta.

Lunedì 17 febbraio, quindi, la Ministra delle Infrastrutture sarà in Abruzzo per una serie di incontri che avranno inizio alle 10 quando visiterà i Laboratori nazionali del Gran Sasso ad Assergi. Alle 11.30 sarà a Pineto, alla Sala Corneli di Villa Filiani, per un incontro istituzionale con i sindaci sulla A14, mentre alle 14 Chieti si svolgerà presso la Camera di Commercio, sede di Chieti scalo, incontrerà il mondo dell’automotive della Val di Sangro, gli operatori dello sviluppo e gli amministratori locali.

Paola De Micheli

Alle 17 Paola De Micheli sarà al Comune di Avezzano, e incontrerà i parlamentari del Pd e del Movimento Cinque Stelle, assieme al comitato Movete, sull’argomento dello sviluppo della ferrovia Pescara- Roma. Alle 18, sempre ad Avezzano, alla Sala Irti dell’ex Scuola Montessori, parteciperà all’evento “Le vie del futuro – infrastrutture, ferrovia, autostrade”, assieme a Pietro Bussolati, componente della segreteria nazionale del Pd e consigliere regionale della Lombardia.

Michele Fina Segretario regionale del Pd

“Una serie di incontri dalla forte valenza operativa – dichiara il segretario regionale del Pd, Michele Fina – come ad altri esponenti di governo, da ultima il viceministro Anna Ascani, abbiamo chiesto a Paola De Micheli di confrontarsi direttamente, sul territorio, con i nostri problemi e le nostre esigenze. Quelle che fanno capo alla sua delega sono particolarmente rilevanti. Autostrade, sistema ferroviario, in generale collegamenti infrastrutturali, sono stati molto spesso al centro dell’attenzione del dibattito pubblico negli ultimi mesi per i noti problemi contingenti che vanno affrontati, e a cui in parte sono state offerte risposte valide, come nel caso della sospensione dell’aumento dei pedaggi autostradali. Altro lavoro deve essere fatto, anche in una valenza strategica, perché l’Abruzzo vede nella necessità del miglioramento dei collegamenti infrastrutturali un presupposto irrinunciabile del proprio sviluppo. Senza dubbio è la rete intermodale, la trasversalità che unisce Tirreno e Adriatico da Civitavecchia a Pescara/Ortona, con l’inclusione efficiente dell’Abruzzo nel corridoio europeo che va da Barcellona alla Croazia, una delle strategie principali che va perseguita”.