Botta e risposta fra il Sindacato giornalisti e la Sindaca di Prezza Scoccia

Motivo del contendere una troupe Rai che non avrebbe potuto fare un servizio sportivo

AVEZZANO – Botta e risposta fra il Sindacato Giornalisti Abruzzesi, diretto da Ezio Cerasi, e la Sindaca di Prezza, la consigliera regionale Marianna Scoccia.

La questione è sorta in mattinata. Una troupe della Rai-Abruzzo, si è recata nello splendido paesino della Valle Peligna per effettuare una servizio di carattere sportivo sulla II Edizione del “Trofeo Pavind”. E qui la storia prende due strade diametralmente opposte.

Secondo la troupe Rai e il Sga, infatti, la Sindaca Scoccia avrebbe preteso una intervista per far effettuare le riprese e il servizio e, di fronte al rifiuto, avrebbe impedito alla Rai di fare il resoconto video-giornalistico. Secondo la Sindaca Scoccia, invece, le cose sarebbero andate ben diversamente. La troupe sarebbe stata lasciata libera di girare, ma non nel centro storico di Prezza. Questo per evitare il prevedibile assembramento di curiosi che al fine della prevenzione dei contagi Covid-19, sarebbe diventato pericolosissimo, se si considera che Prezza nel centro ha vicoli che non arrivano a un metro e mezzo di larghezza.

Questa la nota del Sindacato Giornalisti Abruzzesi a firma del Segretario Ezio Cerasi: «Il Comune di Prezza non è del sindaco ma dei cittadini. Oggi a una troupe Rai è stato vietato di girare le immagini del paese per la seconda edizione del trofeo Pavind in assenza di un’intervista alla sindaca e consigliera regionale Marianna Scoccia. Una pretesa infondata, una inutile e violenta compressione del diritto di cronaca. Tanto più che le immagini nel corso della manifestazione sarebbero state un’ottima occasione per Prezza anche in chiave turistica. Gli amministratori locali non sono sceriffi e nemmeno padroni dei loro territori, ma dovrebbero rappresentare gli interessi della loro Comunità. Il comportamento della sindaca non offende solo il diritto dei giornalisti a informare, in piena libertà e indipendenza, e specularmente il diritto dei cittadini di essere informati al di là di gusti, imposizioni e ricatti da guappi. Atteggiamenti del genere esprimono una concezione proprietaria della cosa pubblica, inconciliabile con i principi e le prassi della buona politica. Il sindacato giornalisti abruzzesi continuerà a difendere in ogni sede i valori della libertà di informazione, la politica saprà isolare e censurare le pulsioni illiberali che sempre più spesso si manifestano nel proprio campo?» Sindacato giornalisti abruzzesi, Il segretario Ezio Cerasi.

Questa la replica della Sindaca di Prezza, Marianna Scoccia: «Ho letto con profondo stupore le dichiarazioni del sindacato dei giornalisti abruzzesi in ragione del fatto che nessuno ha mai inteso impedire che venissero fatte delle riprese televisive al Trofeo Pavind che, per il secondo anno consecutivo, ospitiamo nel nostro paese. Infatti, sono stata contattata da un operatore della RAI il quale mi ha chiesto di effettuare delle riprese alla manifestazione. Io non ho avuto alcuna difficoltà a dare il mio assenso con l’avvertenza di evitare di effettuare delle riprese in pieno centro storico, tra vicoli strettissimi, per evitare qualsiasi tipo di assembramento. Nel nostro splendido paese, infatti, ci sono vicoli di un metro e mezzo e la presenza in contemporanea dei ciclisti concorrenti, di qualche organizzatore e dei volontari che sono impegnati per far sì che tutto si svolga in sicurezza, ha reso sconsigliabile la presenza anche della troupe televisiva che avrebbe potuto generare senza dubbio pericolosi assembramenti. La salute dei cittadini viene prima di tutto e sono oramai mesi che, come amministrazione, siamo in prima linea per la promozione e la diffusione di pratiche che siano in grado di garantire il contenimento del contagio da covid19. Spiace constatare che il sindacato dei giornalisti si sia affrettato a stigmatizzare un fatto non vero. Per il secondo anno consecutivo, infatti, Prezza si è offerta per ospitare questa splendida manifestazione. Oltre ad aver messo a disposizione le nostre strutture, un gruppo di dieci volontari, dislocati in vari punti del paese ha distribuito acqua e bevande varie per tutti i partecipanti. Abbiamo voluto fortemente che questa manifestazione si svolgesse anche quest’anno con il rispetto delle regole di sicurezza, regole che imponevano che le riprese televisive venissero effettuare in luoghi più aperti e più sicuri per tutti. Sono anni che facciamo di tutto per promuovere l’immagine del nostro paese e delle numerose manifestazioni che vengono organizzate, per questo trovo assolutamente fuori luogo la polemica sollevata. La promozione va bene ma in questo particolare momento anche questa deve essere fatta contemperando il rispetto delle norme di sicurezza» Marianna Scoccia, Sindaco di Prezza.

6 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *