Caro Pedaggi e sicurezza sulle autostrade abruzzesi. Sindaci delusi dagli incontri con Governo e Camera dei Deputati

AVEZZANO – Insoddisfazione e delusione dei Sindaci e amministratori di Lazio e Abruzzo per l’esito degli incontri avuti con Governo e Camera dei Deputati sulla questione pedaggi e sicurezza su A24 e A25.

Un sostanziale nulla di fatto, il topolino della proroga del blocco degli aumenti, nonostante proprio oggi sia stato bocciato il Pef proposto per Strada dei Parchi.

Una situazione, quindi, che non trova alcuno sbocco, e sblocco, e costringe Snidaci e amministratori di Lazio e Abruzzo a proseguire questa battaglia, ormai in piedi da quattro anni abbondanti.

La nota ufficiale del Comitato dei Sindaci di Lazio e Abruzzo

I Sindaci di LAzioe Abruzzo al Ministero

Questa la nota ufficiale diffusa dal Comitato dei Sindaci di Lazio e Abruzzo.

«I Sindaci e gli Amministratori di Lazio e Abruzzo impegnati nella lotta contro il “caro-pedaggi” e per la sicurezza della A24/A25, all’esito di due giorni di incontri avuti, in data 04 maggio 2022, alla Camera dei Deputati, con i parlamentari della Repubblica e in data 5 maggio 2022 presso il MIMS con il Ministro Giovannini, su richiesta di incontro fatta dal Sen. Luciano D’Alfonso, oltretutto a ridosso della bocciatura da parte del Cipes del Pef, che prevedeva zero investimenti e aumenti insostenibili per i territori di Lazio e Abruzzo, esprimono poca soddisfazione per l’ennesimo blocco delle tariffe fino al 31 dicembre 2022 preannunciato dallo stesso nell’audizione tenutasi alla Camera e ribadito alla delegazione ristretta che lo ha incontrato.

Ennesima proroga che non appaga e lascia amareggiati i Sindaci e gli Amministratori di Lazio e Abruzzo che, pur ritenendo necessario dare fiducia all’attuale Ministro, cosa già fatta con i suoi predecessori, pretendono soluzioni definitive sul “caro-pedaggi” e sulla sicurezza.

I Sindaci e gli Amministratori di Lazio e Abruzzo dinanzi a questo “ennesimo mezzo risultato” pur prendendo atto della mancanza di una soluzione definitiva al problema, non fosse altro per il rispetto dovuto alle migliaia di cittadini che non arrivano a fine mese, confidando ancora nelle Istituzioni, nel Ministro che chiede tempo per far lavorare i commissari, non mollano e continuano a mettere in campo tutte le iniziative necessarie affinché il tempo concesso dall’ulteriore proroga sia utilizzato per chiudere questa annosa vicenda.

In attesa di migliori novità, i Sindaci e gli Amministratori, decisi più che mai a proseguire con la loro battaglia, si riuniranno a Carsoli il 19 Maggio 2022 alle ore 18, per programmare le prossime iniziative.

Si ringraziano per la presenza agli incontri, i Senatori, i Deputati, i Consiglieri Regionali di Lazio e Abruzzo, il rappresentante di Assotir e tutti coloro che hanno assicurato il loro supporto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.