Conferenza di Don Marcello Stanzione, il maggior esperto di Angeli, sul Capo supremo dell’esercito celeste: l’Arcangelo Michele

CHIETI – Il 4 novembre alle 17,30 presso il Museo Barbella Don Marcello Stanzione, il maggior esperto di Angeli, terrà una conferenza sulla figura dell’Arcangelo Michele.

Interverranno Antonio Di Giosafat, Direttore artistico della Nuova Libreria Bosio e Angela Rossi, docente e angelologa.

Modera l’incontro Massimo Pasqualone, Critico d’arte e letterario, già Docente di Storia della Chiesa.

Per l’occasione Eugenia Tabellione, pittrice e critico d’arte, esporrà un quadro a tema e Mariacristina Stumpo, allieva della Scuola di Recitazione del Teatro Marrucino, diretta da Giuliana Antenucci, reciterà alcune preghiere angeliche.

Sono previsti interventi musicali.

Il nome dell’Arcangelo Michele, che significa Chi è come Dio ?, è citato cinque volte nella Sacra Scrittura; tre volte nel libro di Daniele, una volta nel libro di Giuda e nell’Apocalisse di S. Giovanni Evangelista e in tutte le volte egli è considerato Capo supremo dell’esercito celeste, cioè degli angeli in guerra contro il male, che nell’Apocalisse è rappresentato da un dragone con i suoi angeli; esso sconfitto nella lotta, fu scacciato dai cieli e precipitato sulla terra.

Dopo l’affermazione del Cristianesimo il culto per  Michele ebbe in Oriente una diffusione enorme, ne sono testimonianza le innumerevoli chiese, santuari, monasteri a lui dedicati; nel secolo IX solo a Costantinopoli, capitale del mondo bizantino, si contavano ben 15 fra santuari e monasteri, più altri 15 nei sobborghi.

In Italia sono tanti i luoghi, dove sorgono cappelle, oratori, grotte, chiese, colline e monti tutti intitolati all’Arcangelo Michele, il più noto dei quali è a Monte Sant’Angelo nel Gargano, in cui apparve nel 490 per ben tre volte.

Dopo la conversione al cattolicesimo i Longobardi, attribuendo la loro vittoria sui saraceni alla protezione dell’Arcangelo, avvenuta l’8 maggio del 663 a Siponto, diffusero il suo culto in tutta Italia.

Nell’iconografia San Michele Arcangelo è comunemente rappresentato alato in armatura con la spada o lancia con cui sconfigge il demonio, spesso nelle sembianze di drago.

È il comandante dell’esercito celeste contro gli angeli ribelli del diavolo, che vengono precipitati a terra. È anche rappresentato con una bilancia, con la quale peserà le anime nel Giudizio Universale.

Marcello STANZIONE, ordinato sacerdote il 14 novembre 1990, è Parroco di Santa Maria La Nova nel Comune di Campagna (SA) dal 1° gennaio 1991. Ha rifondato l’8 maggio 2002 l’Associazione Cattolica (Milizia di San Michele Arcangelo) per la retta diffusione della devozione cattolica ai Santi Angeli. Insieme a Carlo Di Pietro ha creato il sito www.miliziadisanmichelearcangelo.org.  e scrive su numerose riviste religiose, quotidiani e blog cattolici on line.

Ha creato un Centro di Angelologia, dotato di Biblioteca e Centro Documentazione, con Mostra permanente sulla devozione agli Angeli e il Centro di spiritualità “Oasi di San Michele” per campi scuola, ritiri e convegni. Ogni anno organizza e presiede il Meeting Nazionale di Angelologia.

Ha studiato Teologia alla Pontifica Università Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli, Dottrina Sociale della Chiesa alla Pontifica Università Lateranense, Catechetica alla Pontifica Università Salesiana. Conferenziere anche all’estero, è spesso invitato a Programmi televisivi e radiofonici e attualmente cura una rubrica sugli angeli su Radio Mater e su TeleradiopadrePio.

È autore circa 350 libri sugli angeli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.