Coronavirus. “Nessun caso ad Avezzano” dichiara il Servizio Prevenzione e tutela della salute della Regione

Ospedale di Avezzano

PESCARA – Dichiarazione dettagliata, breve e perentoria del Servizio Tutela e prevenzione della Salute della Regione Abruzzo, in relazione a notizie circolare, un pochino in libertà, a dire il vero, su un presunto allarme per un ipotetico caso di Coronavirus all’ospedale di Avezzano. Questa a seguire la dichiarazione della Regione che spazza via ogni dubbio e timore.

“Non c’è alcun contagio da Coronavirus all’ospedale di Avezzano – comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione – . L’uomo ricoverato ieri sera nel reparto di malattie infettive del nosocomio marsicano, si è presentato spontaneamente accusando dissenteria e febbre a 37.5. Avendo riferito di essere rientrato da Shangai il 29 gennaio scorso, si è deciso – precauzionalmente – di inviare un campione biologico allo Spallanzani di Roma (più facilmente raggiungibile da Avezzano). I risultati restituiti già oggi hanno confermato l’esito negativo e che non c’è alcun contagio”. (Fonte REGFLASH)

Stavolta, però, vogliamo giocare a carte scoperte. Espressione24, dalla serata di ieri, domenica, attraverso uno dei nostri più validi ed esperti redattori, aveva saputo che c’era stato un uomo dell’area di Sulmona che si era presentato all’ospedale di Avezzano asserendo di volersi sottoporre ai controlli. Il resto l’ha ricostruito perfettamente il comunicato della Regione Abruzzo. Noi abbiamo deciso, dopo aver effettuato le verifiche ed aver saputo in largo anticipo quanto ora diffuso dalla Regione, di non dare questa notzia per evitare panico, paure ingistificate e diffusione di ansia assolutamente immotivati. Una scelta che sicuramente ci sarà costata parecchi “click” in meno ma che, di sicuro, rafforza la nostra condotta e il nostro indirizzo editoriale incentrato sulla fondatezza, veridicità e pubblica utilità di quanto andiamo a scrivere senza lasciare spazio a sensazionalismi e facili polemiche di pancia, come accaduto, purtroppo, ad inizio anno per altro caso. E chi se ne importa dei click…

75 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *