Covid-19. Mamme lasciate senza pediatra. Stavolta a rispondere è la Pediatra Caterina Albano

L’AQUILA – In un articolo di qualche giorno fa si è parlato della segnalazione di una mamma che reclamava la mancanza di disponibilità e sostegno da parte del pediatra. In particolare dell’Asl, e di tutti gli organi di competenza che, in questo particolare periodo, dovrebbero garantire la massima sicurezza psicologica e fisica, in conseguenza al nuovo DPCM del governo che stabilisce le misure di contenimento necessarie a prevenire quanto a ridurre il rischio di contagio del Covid-19.

La denuncia della mamma aquilana, scritta su un post di Facebook, che imponeva a rappresentare tutte le mamme, iniziava con una segnalazione che sembra essere una richiesta d’aiuto, “mio figlio sta male e il pediatra risulta assente.”

Con i nuovi DCPM, sono pochi i pediatri che possono privilegiare della visita a domicilio, in molti infatti si astengono a dare indicazioni per via telefonica, a meno che la mamma non decida di coprire bene il piccolo e recarsi in studio. Stavolta però il pediatra, non è solo assente, da un giorno all’altro è andato in pensione lasciando molte mamme spaesate, senza un pediatra di riferimento, in seguito viene, anche negata la possibilità di revocare il medico presso l’ex Onpi, visto che gli uffici risultano chiusi al pubblico, pertanto risulta compito dell’Asl comunicare mediante un avviso alle famiglie, il pediatra assegnatogli in maniera automatica: dell’avviso però non c’è traccia.

Stavolta, a rispondere alle lamentele, e l’indignazione di molte mamme è il pediatra stesso, che vuole porgere le proprie scuse.

“Sono molto addolorata per la situazione drammatica che stanno vivendo
i miei pazienti, senza assistenza in un momento così difficile. Purtroppo la mia pensione non è stata una scelta ma è legata al mio stato di salute. Sono immunodoepressa ed ho una patologia polmonare che mi ha portato ad una invalidità ed inabilità assoluta e permanente al lavoro.” -inizia così la lettera dolorante, di Caterina Albano, pediatra amatissimo e ricercato da molte famiglie- “In questo anno ho avuto più volte crisi respiratorie con difficoltà a lavorare compreso un ricovero ospedaliero, ma ho tenuto duro per i miei bambini. Purtroppo dopo l’estate sono peggiorata e per me non è stato più possibile continuare il mio lavoro e ho fatto domanda di pensione per malattia in un momento in cui ancora non cominciava seconda ondata del Covid-19. Ho comunicato alla ASL che sarei andata in pensione il primo novembre e mi hanno assicurato che il 2 novembre avrebbero assegnato i miei pazienti ai colleghi del territorio per non farli rimanere senza assistenza. Mi dispiace che questo non sia stato ancora attuato. Spero che la ASL provveda rapidamente a dar loro assistenza. Sono solidale e dalla parte dei miei pazienti e continuo, nonostante in pensione, ad essere a loro disposizione telefonicamente come lo sono stata in tutta la vita lavorativa di pediatra”.

Porgiamo i più grandi saluti per la guarigione alla Dott.ssa Albano, e un sentito augurio d’incoraggiamento a tutte le famiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.