Covid e altre forme virali: domani, a L’Aquila, convegno con specialisti dell’Istituto Superiore della Sanità

Coronavirus

L’AQUILA – Mantenere sempre alti i riflettori sul covid ma con un’attenzione non secondaria, in termini di terapie e assistenza, alle altre forme di infezione virale.

E’ l’impostazione che ispirerà il convegno in programma all’Aquila, alla ‘Dimora del baco’, domani giovedì 30 settembre, a partire dalle ore 12.15, dal titolo: ‘Oltre il covid, stato dell’arte sulle infezioni virali’.

Un focus, organizzato dal direttore di malattie infettive dell’ospedale San Salvatore, Alessandro Grimaldi, a cui parteciperanno circa 60 specialisti, provenienti da diverse province d’Abruzzo e dal Lazio.

La prima parte dei lavori sarà incentrata sul covid e sulle terapie attuali mentre nella seconda i relatori spazieranno su altri fronti, mettendo a fuoco ulteriori problematiche sanitarie.

Interverranno, tra gli altri, il Manager della Asl, Ferdinando Romano, il direttore dell’Agenzia sanitaria regionale, Pierluigi Cosenza e il presidente dell’Ordine provinciale dei medici, Maurizio Ortu.

Saranno presenti, oltre al promotore dell’iniziativa, Grimaldi, Anna Rita Ciccaglione e Roberto Bruni, specialisti dell’Istituto superiore della sanità, Simona Giambenedetto dell’Università Cattolica di Roma e Francesca De Paulis, direttore del servizio di igiene e degli alimenti di origine animale della Asl provinciale di L’Aquila che parlerà, in particolare, dell’epatite E nel mondo animale e della trasmissione all’uomo.

“Il convegno interregionale”, dichiara Grimaldi, “segna il ritorno ai confronti in presenza dopo due anni di stop dovuti all’emergenza e rappresenta un punto di ripartenza per fare il punto della situazione, misurarsi con le esperienze di altri
colleghi e tracciare nuovi orizzonti per l’immediato futuro”

“Il covid “, prosegue Grimaldi, “ha assorbito e continua ad assorbire molte delle energie del sistema sanitario ma adesso è necessario riorganizzarsi anche per affrontare altre patologie della filiera infettiva che non sono meno importanti, recuperando il terreno perduto. Per motivi di sicurezza ripartiremo con un convegno meno affollato ma con relatori molto qualificati”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.