Covid: Pezzopane (Pd), necessari ristori immediati per operatori sci


Roma – L’Abruzzo da domenica non è più in zona gialla, con le province di Teramo e L’Aquila in arancione e Chieti e Pescara in zona rossa. Ma gli operatori del turismo invernale erano pronti a partire e la decisione di non aprire gli impianti sciistici è stato un brutto colpo che impone ora al governo di dover prendere provvedimenti.

Lo deputata dem Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera ha dichiarato a riguardo: “Purtroppo, a causa della crisi di governo, il Ristori 5 è rimasto congelato ed ora bisogna fare presto. C’è l’esigenza di ristori, ma anche risarcimenti adeguati, giusti e rapidi. Il sistema imprenditoriale della montagna italiana è davvero allo stremo delle forze. Tutti i protagonisti della montagna avevano lavorato e fatto investimenti per presentarsi in maniera adeguata all’apertura prevista del 15 febbraio. Il Parlamento, prima della crisi, ha votato lo scostamento di bilancio di 32 miliardi. Chiedo al governo e al ministro del Turismo Massimo Garavaglia, sicuramente sensibile al problema, di attingere a queste risorse per un rapido risarcimento degli imprenditori della montagna italiana. Mettiamo poi al centro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – conclude Pezzopane – un programma di investimenti per una economia importante come le nostre zone montane, avendo attenzione ai lavoratori stagionali e a chi lavora anche nel settore dell’ospitalità. Da qui al 5 marzo, facciamo arrivare i ristori e lavoriamo perché si possa tornare a lavoro in sicurezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.