Crisi editoria, Marinelli (Pd): “Si faccia subito la legge regionale promessa dal centrodestra cinque anni fa”

PESCARA –  “Il Partito Democratico condivide le preoccupazioni espresse dal sindaco di Teramo e presidente regionale dell’Anci, Gianguido D’Alberto, in merito all’impoverimento del settore dell’informazione in Abruzzo, e rilancia la proposta di una legge regionale sull’editoria, che questa maggioranza si era impegnata a fare entro il primo anno di legislatura.

E’ passato un lustro da quella promessa e nulla è stato fatto, se non un timido tentativo attraverso un progetto di legge approvato dalla giunta regionale nell’ottobre scorso (con una dotazione finanziaria nettamente insufficiente: appena 200mila euro) e subito sommerso dal silenzio.

Si giunga in tempi brevi a una proposta seria e articolata – cui anche il Partito Democratico darà il suo contributo in termini propositivi – da emanare dopo aver ascoltato in primis gli enti di categoria (Ordine e sindacato).

Al contempo, nell’esprimere solidarietà ai giornalisti del quotidiano Il Centro, auspichiamo la ripresa di un confronto sereno e costruttivo con la proprietà, che riporti armonia nelle redazioni del giornale locale più letto in Abruzzo”, così  Daniele Marinelli, segretario regionale del PD Abruzzo.