Dal Ministero Istruzione al mondo della scuola: …non è tutto!

AVEZZANO – Il Ministero dell’Istruzione-Ufficio di Gabinetto, con nota prot. n. 11600 del 3.09.2020 ha disposto un accompagnamento alle linee-guida sulla Didattica Digitale Integrata – adottate con D.M. 39 del 7.08.2020 per quanto riguarda i profili di sicurezza e protezione dei dati personali. Il documento, redatto dal Gruppo di lavoro congiunto Ministero Istruzione/Ufficio del Garante per la protezione dei dati personali, mette in evidenza che spetta all’ istituzione scolastica la scelta e la regolamentazione degli strumenti più adatti al trattamento dei dati personali degli utenti della scuola per la realizzazione della D.D.I. e, nella fattispecie, al dirigente scolastico che si avvarrà del supporto del Responsabile Protezione dati personali. I criteri della scelta dovranno tener conto della adeguatezza rispetto a competenze e capacità cognitive degli studenti e delle garanzie offerte sul piano della protezione dei dati personali.  Al R.P.D.  spetta l’incarico di fornire consulenza per le decisioni da prendere , segnalando prioritariamente quelle piattaforme che erogano servizi rivolti esclusivamente alla didattica o, dove si rendesse necessario attivare quelle più complesse e generaliste, raccomandando  di attivare isoli servizi connessi con la D.D.I. L’istituzione scolastica dovrà coinvolgere nel monitoraggio del corretto trattamento dei dati  tutti i soggetti afferenti (personale scolastico, studenti, famiglie) a tale processo e comunque, dovrà fornire al personale autorizzato al trattamento dei dati, adeguate istruzioni.  Il documento di accompagnamento consta di 9 pagine che contengono diverse sezioni – 8 in tutto – che chiariscono cosa fa, chi, come.  Si aggiunge alle 10 pagine riguardanti le Linee-guida.

Con circ.  11971 dell’8.9.2020, il Ministero della Salute dispone la Proroga dei termini previsti dalla precedente circ. 8722 del 7.9 che fissava il range di tempo utile – per docenti e non docenti – per sottoporsi su base volontaria al test sierologico per la ricerca degli specifici anticorpi verso il virus SARS-CoV-2, dal 24 agosto ad una settimana prima dell’inizio delle lezioni.  Il termine ultimo per effettuare il test viene allungato fino al “giovedì precedente l’inizio delle attività didattiche nelle singole regioni”; ciò al fine di rispondere al considerevole numero di richieste, adeguarsi alle disposizioni emanate nei diversi territori regionali e per consentire al più alto numero di lavoratori di accedere al test.

Il prot. 1565 del 9.9.2020, a firma del Capo Dipartimento Marco Bruschi, ha per oggetto: Studenti iscritti ai corsi di laurea in Scienze della formazione primaria e docenti iscritti ai corsi di specializzazione sul sostegno – Tirocini e contratti a tempo determinato.  Due i punti che li riguardano:

  1. L’inserimento dei tirocinanti nelle classi è una risorsa che può e deve essere valorizzata, ricordando che, esattamente come tutti gli altri docenti, dovranno attenersi alle disposizioni messe in atto dalle scuole per la prevenzione del contagio; 
  2. Si tratta di una novità; per contenere il fenomeno delle nomine da M.A.D.  (domande di Messa A Disposizione da parte dei docenti non inseriti in alcuna graduatoria), viene data, ai laureandi in Scienze della formazione primaria, la possibilità di inserirsi nelle Graduatorie provinciale per le supplenze di II e III fascia.   In caso di nomina, gli studenti saranno soggetti al rispetto sia degli obblighi formativi della facoltà sia a quelli concernenti la professione docente.   Si richiama il buon senso e la disponibilità organizzativa di entrambe le istituzioni alle quali il docente si riferisce: dell’istituzione scolastica per il buon andamento del servizio e dell’università per il rispetto del diritto allo studio.  Agli Atenei è riconosciuta la possibilità di riconoscere come tirocinio il servizio prestato nella sede di servizio.

La nota 1529 del 10.9.2020 del Ministero Istruzione, dà Chiarimenti di carattere organizzativo e finanziario sulle attività di essere per l’avvio dell’A.S.   La struttura del Commissario Straordinario per emergenza COVID ha assunto su di sè l’onore di distribuire mascherine, gel igienizzanti e arredi alle scuole.   Si puntualizzano, nel documento, alcune cose riguardanti i materiali per l’igiene quotidiana e gli arredi.

Per mascherine e gel:

 la fornitura dei materiali riguarderà l’intero periodo scolastico, per tutti gli studenti; ogni scuola riceverà quanto alla bisogna giornaliera e la consegna avverrà settimanalmente o bi settimanalmente; le consegne verranno effettuate presso la sede principale della scuola.

Per gli arredi:

circa una settimana prima, la scuola verrà contattata per definire tempi e modi della consegna; l’azienda fornitrice si occuperà del montaggio degli arredi negli spazi segnalati dalla scuola; la scuola, dal canto suo, dovrà occuparsi della sistemazione degli arredi negli spazi scolastici e, in coordinamento con gli EE.LL., dello smaltimento degli arredi non più necessari.

Nella stessa nota viene ribadito quanto già indicato dal C.T.S. nel verbale 104 dell’8 agosto: il distanziamento fisico è di un metro tra gli studenti e di due metri tra docente e studenti; l’uso della mascherina è obbligatorio proprio perché potrebbe essere particolarmente difficile mantenere il distanziamento; il ricambio di aria nelle aule deve essere frequente; devono essere garantite le norme igieniche.

Dulcis (???) in fundo, il protocollo 11534 del 10.9.2020 dell’U.S.R. Abruzzo, si occupa di Formazione, informazione e comunicazione per operatori sanitari e scolastici – Attivazione corso FAD e comunicazione nominativi referenti del dipartimento di Prevenzione della Regione Abruzzo.  Se con precedente nota erano state fornite indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS CoV-2 nelle diverse istituzioni scolastiche, con questa viene comunicata l’opportunità di accedere gratuitamente alla formazione per operatori sanitari e scolastici.  E richiamando il precedente documento, si ricorda che: in ogni singola struttura scolastica deve essere identificato un referente  COVID-19 per una migliore azione di controllo e di interazione con le strutture sanitarie; che la formazione FAD è espressamente rivolta ai referenti COVID-19; che, per la formazione, che avviene rigorosamente a distanza,  è attiva la piattaforma EDUISS; e infine, che il corso FAD è accessibile fino al 15 dicembre 2020. 

4 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *