Diocesi dei Marsi. Il Santuario della Madonna del Silenzio aprirà nell’ex convento S. Francesco di Avezzano

AVEZZANO – Nella mattinata di giovedì 27 febbraio, giorno di San Gabriele dell’Addolorata patrono d’Abruzzo, presso la sala del seminario cittadino si è svolta un’importante conferenza stampa dedicata all’apertura del santuario della Madonna del Silenzio nell’ex convento di San Francesco in Avezzano. Hanno partecipato a tale conferenza mons. Pietro Santoro vescovo dei Marsi, Padre Nicola Galasso provinciale dei Frati Francescani Cappuccini, padre Emiliano Antenucci e don Francesco Tudini vicario della diocesi dei Marsi.

Fra Emiliano Antenucci

Nella presente conferenza stampa si è parlato della apertura di tale Santuario, fortemente voluta da Papa Francesco. Nel saluto iniziale il vescovo dei Marsi afferma: “L’evento che vi stiamo per comunicare vedrà una grande novità sia per Avezzano, per la diocesi, per la Marsica intera e non solo, ovvero la collocazione del santuario di Maria Vergine del Silenzio. Questo è un evento voluto direttamente ed espressamente da papa Francesco. Il Santuario della Madonna del Silenzio è profezia oggi sulla chiesa e sul Mondo intero”.

Successivamente al saluto del vescovo, c’è stato l’intervento del padre provinciale dei cappuccini fra Nicola Galasso, che mostrando la lettera del papa afferma: “Il Santo Padre ha scritto questa lettera il 24 marzo e mi è arrivata l’8 aprile dell’anno scorso: io pensavo che fosse un classico scherzo. Tale lettera è stata scritta a mano dal Papa e ciò a un messaggio diretto, ovvero quella di un forte attaccamento a tale icona da parte di papa Francesco stesso. Inoltre, nella lettera il pontefice, spiega l’importanza della Vergine del Silenzio soprattutto in questi momenti e chiede gentilmente di trovare un posto dove si possa dare culto pubblico alla Madonna del Silenzio. E noi abbiamo questa grande possibilità nel convento di Avezzano chiuso ormai da 11 anni. E questa è un occasione grande per la Marsica e per l’ordine intero, così da accontentare le richieste del Santo Padre”.

L’intervento di fra Emiliano Antenucci, missionario della Misericordia, è stato lineare e deciso, come d’altronde è la sua formazione ed il suo linguaggio. Nella prima parte del suo discorso narra la storia della Madonna del Silenzio e di come questo evento sia un grande momento per l’Abruzzo intero. Ricorda i “suoi contatti veloci” con il papa, e nello stesso tempo racconta anche di come lo stesso Francesco sia stato affascinato da tale icona mariana. Un fascino che è sfociato nella collocazione in diversi angoli dei palazzi papali di questa dolcissima icona. “Il 22 novembre del 2018, incontro il Santo Padre durante l’udienza, regalandogli- afferma Fra Emiliano- un mio libro, lui chiude gli occhi e dice al suo stretto collaboratore: io voglio incontrare questo frate. Da questa frase è nata una grande amicizia con il papa, tanto è vero che il mercoledì delle ceneri dell’anno scorso mi è arrivata una lettera chiedendomi di partecipare ad un’udienza privata. Per me è stato un giorno sconvolgente: il 22 marzo incotro il Santo Padre, dopo avergli raccontato la storia della Madonna del Silenzio, lui mi chiede di trovare un luogo per il culto di tale Madonna”.

Fra Nicola Galasso provinciale dei Cappuccini

Man mano nei discorsi di fra Nicola Galasso e di fra Emiliano Antenucci emerge tutta la gioia che il vescovo dei Marsi prova nell’accontentare la richiesta di Papa Francesco, richiesta avvalorata anche da una chiamata di papa Franscesco stesso a mons. Santoro, di trovare nel territorio della sua diocesi un luogo per ideare il Santuario della Madonna del Silenzio. Luogo che è stato, come già detto precedentemente, individuato nell’ex convento cappuccino di San Francesco in Avezzano. Infine, mons. Santoro afferma alla stampa, ai sacerdoti ed al popolo che tale Santuario verrà aperto nel mese di maggio, che lo stesso padre Emiliano Antenucci sarà il rettore e che non sarà un luogo celebrazioni di sacramenti (come matrimoni, comunioni etc) ma, viceversa, sarà un luogo dedicato al profondo incontro con Dio tramite l’eucarestia, l’adorazione e la preghiera.

La lettera e l’autografo di Papa Francesco

Espressione24 seguirà l’evolversi di questa bellissima notizia.