Distretto Rurale Della Marsica. I comuni protagonisti del proprio territorio

CELANO – “Ognuno può partecipare ed essere protagonista del proprio territorio. Nei prossimi giorni continueremo nell’opera di adesione e di coinvolgimento degli altri enti locali, delle imprese agricole e di tutte le realtà produttive del territorio locali, ciascuna per ogni Municipio. Lo faremo coadiuvati dallo Sportello Europa, guidato da Lorenzo Berardinetti, che ha appunto il compito di animare il progetto,”. Così ha commentato il Sindaco di Celano Settimio Santilli, capofila del Comitato Promotore del Distretto Rurale, al termine del nuovo incontro che si è svolto l’altro giorno al Comune di Celano con lo scopo di ampliare il partenariato dei soggetti aderenti all’istituendo Distretto Rurale della Marsica.

Sono ad oggi questi l’elenco dei Comuni che hanno risposto all’appello del Comitato Promotore ed alla sfida del Distretto Rurale come volano di sviluppo della Marsica: Celano, Balsorano, Canistro, Capistrello, Cappadocia, Castellafiume, Civitella Roveto, Collelongo, Gioia dei Marsi, Magliano dei Marsi, Massa D’Albe, Morino, Pereto, San Benedetto dei Marsi, San Vincenzo Valle Roveto, Sante Marie, Scurcola Marsicana. Erano presenti all’incontro e hanno confermato che entro il mese di novembre faranno la delibera di adesione anche i comuni di Aielli, Pescina e Ovindoli. Alla riunione celanese hanno partecipato, inoltre, le associazioni di categoria, Confcommercio rappresentata da Domenica Giancarli, Coldiretti con i suoi delegati Gianni Carusi e Domenico Roselli, Cia con Carmine Contestabile, CNA con i rappresentanti Fabrizio Belisari (Cna Turismo) e Francesco D’amore, Confindustria L’Aquila con Giovanni Saracino, Confartigianato Avezzano rappresentata da Vittorio Di Cicco.   Ecco un breve stralcio del verbale e degli interventi registrati nel corso dell’incontro. Moderatori: Berardinetti (Sindaco Sante Marie): importanza del Distretto come fulcro territoriale ed un ringraziamento a Celano ed al Sindaco per l’impegno come promotore e Comune capofila; Santilli (Sindaco Celano – Comune Capofila): inclusività ed imparzialità del Distretto, ognuno può partecipare ed essere protagonista del proprio territorio. È una cosa che può tornare utile a tutti. Nessuna ambizione verso la presidenza del Distretto, l’auspicio è che lo facciano altri; Cozzi (Ass. Sulmona e membro GAL): esempio del Distretto Rurale Toscano che ormai è sistematico, l’importanza di fare rete e di mettere a sistema un pensiero unico ed utile per il territorio.  Interventi: Saracino (Confindustria L’Aquila): interesse per il progetto e sicura adesione;  Buffone (Sindaco Canistro): i Sindaci vanno aiutati e coadiuvati nelle loro scelte; Contestabile (CIA): adesione piena da parte della CIA e richiesta di adesione anche al Parco Sirente Velino; Bellisari (CNA Avezzano): disponibilità verso il progetto ed importanza dello stesso; Salucci (Sindaco Collelongo): ogni Comune deve inviare progetti per ampliare le potenzialità del Distretto; Iulianella (Sindaco Pescina): completa adesione del Comune ed importanza del progetto per l’intero territorio marsicano; Angelosante (Consigliere regionale): il progetto non è importante solo per il territorio marsicano, ma anche per l’intera Regione Abruzzo. Bisogna mettere da parte le ideologie e le posizioni politiche e fare rete. Credere nel progetto e non lasciarla diventare una cattedrale nel deserto. Creare un turismo stanziale e non mordi e fuggi. Il distretto rurale della Marsica è un progetto ambizioso per rafforzare il sistema produttivo agricolo, favorire l’occupazione e l’innovazione tecnologica, stimolare il miglioramento delle filiere produttive e delle infrastrutture di servizio, sviluppare le relazioni economiche fra i soggetti, sostenere l’efficienza energetica e ambientale. Il prossimo passo sarà l’elaborazione congiunta di una proposta di distretto da proporre alla Giunta Regionale.

1 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *