Duplice investimento di Scurcola, rintracciato e denunciato dai Carabinieri un uomo di Avezzano

AVEZZANO – Nel pomeriggio di oggi, i carabinieri della Compagnia di Avezzano e Tagliacozzo hanno denunciato un uomo responsabile dell’investimento e dell’omissione di soccorso dei due pedoni travolti ieri sulle strisce pedonali all’ingresso della cittadina di Scurcola Marsicana. 

Alle delicate indagini è stato dato il massimo impulso, chiamando in causa più professionalità alle dipendenze del Comando Provinciale e, nel giro di poche ore dall’accaduto, l’automobilista investitore è stato individuato e denunciato per il reato di lesioni stradali e per l’omissione di soccorso regolamentata dal codice della strada.   

Gli accertamenti, avviati dopo l’incidente, sono stati coordinati dalla Procura della Repubblica di Avezzano e sono proseguiti per tutta la notte.

Gli investigatori, specialisti delle aliquote radiomobili dei comandi carabinieri interessati, dopo i rilievi sulla dinamica dell’incidente, hanno passato al vaglio ogni elemento utile alle indagini. Nell’immediatezza sono stati ascoltati diversi testimoni presenti ai fatti e acquisite le immagini dei sistemi di video-sorveglianza attivi sulla zona del sinistro.

All’esito della concordanza di una serie di gravi indizi di reato emersi, le attenzioni investigative si sono focalizzate su un 71enne avezzanese e in particolare sull’auto utilizzata, una SW di vecchia costruzione.

Il veicolo è stato quindi ritrovato in una zona periferica di Avezzano, occultato in maniera tale evitare una diretta individuazione dei danni provocati e riscontarti sulla carrozzeria dopo il verosimile impatto che ha praticamente cagionato ammaccature del cofano, del paraurti e del parabrezza.

L’autovettura è stata sottoposta a sequestro probatorio mentre i convergenti indizi di reato nei confronti del conducente hanno portato i carabinieri a denunciare il 71enne in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avezzano.

Proseguono ancora gli accertamenti finalizzati a stabilire ulteriori fonti di prova, nonché il grado delle lesioni personali in danno delle due persone investite, ancora ricoverate, non in pericolo di vita, presso l’ospedale civile di Avezzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.