Elezioni Avezzano. Appetiti (FdI): “No a fughe in avanti e imposizioni. Scelte condivise”

AVEZZANO – Si anima il dibattito politico avezzanese in vista della scdenza elettorale di maggio per l’elezione del nuovo sindaco e della nuova Amministrazione comunale. E il fronte del centrodestra è quello più animato. Dopo le scaramucce fra l’ex Sindaco De Angelis con Massimo Verrecchia e Armando Floris, le note della Lega-Salvini che pare tirare dritta per il fatto suo, oggi è la volta di Roberto Alfatti Appetiti, commissario cittadino di Fratelli d’Italia, ad intervenire e a mettere alcuni paletti. Appetiti, in pratica, richiama tutti ad un tavolo cittadino ed ha scelte, su candidati e programmi, condivise e discusse nella città chiudendo a fughe in avanti e imposizioni di chicchessia.

Roberto Alfatti Appetiti

“Costituire da subito un tavolo di lavoro sul programma amministrativo” è questa la proposta di Roberto Alfatti Appetiti, commissario cittadino del partito della Meloni. “Fratelli d’Italia ha già predisposto da tempo una bozza di programma ambizioso e concreto e non vediamo l’ora di confrontarci sui contenuti. Apprendiamo con piacere che anche altre forze politiche del cdx hanno gia definito le proprie priorità programmatiche.  Nei prossimi giorni convocheremo il tavolo politico cittadino – dichiara Roberto Alfatti Appetiti, che è anche membro del direttivo regionale – così da poter condividere le proposte di tutte le forze politiche e civiche che compongono la coalizione di centrodestra e arrivare a un programma unico, cui ovviamente sarà chiamato a contribuire anche il candidato sindaco che andremo a individuare tutti insieme, con pari dignità e senso di responsabilità, nel segno del rinnovamento ma anche della competenza. Per svolgere un incarico così delicato occorrono esperienza di vita e professionale, cultura politica e possibilmente conoscenza della macchina amministrativa, altrimenti si rischia di perdere troppo tempo nell’apprendistato e Avezzano non può permettersi questo lusso. Fratelli d’Italia è pronta a proporre alla coalizione nomi che potrebbero ricoprire tale ruolo con riconosciuta autorevolezza e capacità. L’auspicio, più volte riaffermato da tutti i responsabili cittadini della coalizione – conclude Alfatti Appetiti – è che tale scelta venga fatta da chi vive la città quotidianamente e non calata dall’alto. Altrimenti si rischia di andare divisi e di perdere. Per evitare questo, se necessario, sarebbe meglio percorrere un metodo già collaudato altrove e sicuramente più democratico: le primarie di coalizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *