Eseguite dai Carabinieri due condanne definitive: in carcere 2 marsicani per lesioni e bancarotta 

AVEZZANO – Lo scorso fine settimana il Comando Compagnia Carabinieri di Avezzano ha dato disposizioni alle Stazioni dipendenti per l’esecuzione di differenti misure detentive nei confronti di due persone residenti nella Marsica, per le quali sono state inflitte condanne in via definitiva.

In un caso, i Carabinieri di Gioia dei Marsi hanno eseguito l’ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di L’Aquila nei confronti di un 30enne del luogo, già ammesso al beneficio di una misura alternativa al carcere, per un cumulo di pene di poco superiori ai due anni per lesioni personali e altro.

Il condannato, recentemente, si è reso responsabile della violazione delle prescrizioni imposte dalla magistratura, subito relazionate dai carabinieri incaricati alla vigilanza.

Pertanto, l’Ufficio di Sorveglianza di L’Aquila è intervenuto disponendo la prosecuzione della pena detentiva presso il carcere di Avezzano, dove l’uomo è stato traferito dai militari della stazione di Gioia di Marsi dopo le operazioni di arresto.

Nella seconda attività, condotta invece dai Carabinieri della Stazione di Avezzano, è stato dato seguito al dispositivo di esecuzione di una pena detentiva domiciliare nei confronti di un 43enne del posto, condannato per bancarotta semplice.

L’ordine di ammissione alla detenzione domiciliare è arrivato dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Roma.

L’uomo dovrà scontare la pena a 8 mesi di reclusione e dovrà attenersi a una serie di prescrizioni, la cui verifica è in carico ai Carabinieri che hanno eseguito la misura.