Fa tappa a Sulmona il tour Cgil sulle criticità della sanità pubblica provinciale

SULMONA – Va avanti per la provincia dell’Aquila la protesta della Cgil per evidenziare, e sensibilizzare i cittadini, le tantissime criticità che affliggono la sanità pubblica. I segretari di Cgil L’Aquila, Francesco Marrelli, Fp-Cgil L’Aquila, Anthony Pasqualone, Nidil-Cgil L’Aquila Andrea Frasca, Spi-Cgil Orante Venti, comunicano che venerdì 10 luglio, dalle ore 10,30 alle ore 12, all’ingresso dell’ospedale di Sulmona, continuerà la mobilitazione a difesa del servizio sanitario pubblico e si terrà un presidio per manifestare contro le criticità della sanità provinciale.

Questa la comunicazione del sindacato aquilano: «I servizi sanitari pubblici sono un diritto inalienabile previsto dalla nostra Costituzione.
Negare tali servizi alle fasce più deboli della popolazione, di cui gli anziani sono parte integrante, è in contrasto con la Legge più importante del nostro Paese ed è non solo immorale, ma anche fonte di pesanti diseguaglianze e discriminazioni. Le aree interne abbandonate al loro destino, i medici di base trasformati in ricettificio, i presidi di prenotazione, nei comuni limitrofi, chiusi e/o mal funzionanti, si aggiungono alle croniche carenze della sanità pubblica.

Lunghe liste di attesa per accertamenti o visite specialistiche, problemi di prenotazione degli stessi ricadono in particolare sugli anziani. E purtroppo bisogna constatare che tali carenze non sono dovute alla situazione emergenziale post Covid, ma come segnalato costantemente e ripetutamente dalla CGIL, sono da attribuire a mancata programmazione degli organici, da disorganizzazione e non ultimo, ad affidamento a soggetti esterni, di funzioni importanti quali il sistema di prenotazione.

Lunghe liste di attesa per accertamenti o visite specialistiche, problemi di prenotazione degli stessi ricadono in particolare sugli anziani. E purtroppo bisogna constatare che tali carenze non sono dovute alla situazione emergenziale post Covid, ma come segnalato costantemente e ripetutamente dalla CGIL, sono da attribuire a mancata programmazione degli organici, da disorganizzazione e non ultimo, ad affidamento a soggetti esterni, di funzioni importanti quali il sistema di prenotazione.
La pandemia da Covid 19 ha messo in evidenza tutti i limiti dell’autonomia regionale in tema di sanità ed ha dimostrato l’inadeguatezza di venti diversi sistemi sanitari regionali, una parcellizzazione che nei fatti si è tradotta in un impoverimento della sanità pubblica e territoriale a favore della sanità privata. Il comportamento spesso negazionista dei disagi e delle carenze da parte della ASL 1 conferma se ce ne fosse bisogno, questa valutazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *