Fauna selvatica su A24/A25, situazione incidenti fuori controllo. Di Girolamo: «Il governo spinga per riprendere i lavori»

ROMA – “Ci troviamo di fronte a l’ennesimo incidente sull’autostrada A24/A25 accaduto pochi giorni fa, che questa volta ha causato purtroppo la morte di un cervo e fortunatamente nessuna conseguenza per l’automobilista.

Per questo motivo ho presentato un’interrogazione, insieme ai miei colleghi senatori, al Ministro Salvini e al Ministro Pichetto Fratin per chiedere al governo se, nell’ambito delle rispettive competenze, intenda proseguire i lavori avviati nello scorso anno, previsti nel progetto esecutivo predisposto dall’ex concessionario Strada dei Parchi (SpA) e condiviso dal Parco Nazionale D’Abruzzo Lazio e Molise”.

Così in una nota la senatrice Gabriella Di Girolamo, capogruppo in comm. Ambiente e Infrastrutture del Senato.

“Ad oggi – prosegue – il progetto dei circa 90 km prevede una nuova barriera in sostituzione di quella esistente dell’altezza di due metri e 60, in rete zincata e da ancorare ad una fondazione di calcestruzzo armato.

Di questa barriera sin qui è stato realizzato soltanto un piccolo tratto.

Gabriella Di Girolamo

Nel 2021 ci sono stati 213 gravi incidenti che hanno coinvolto animali, 199 dei quali avvenuti su strade statali e provinciali e 14 sulle autostrade, provocando complessivamente la morte di 13 automobilisti, un dato che ci deve far riflettere e che purtroppo è in crescita.

Ricordo che l’autostrada in questione attraversa la regione verde d’Europa, dove la presenza di animali, a partire dagli orsi, è la norma.

Ritengo quindi assolutamente necessario che riprendano immediatamente i lavori per mettere in sicurezza gli automobilisti e le numerose specie di fauna selvatica, alcune delle quali peraltro protette.

A questi interventi però, vanno affiancati con urgenza quelli di manutenzione e pulizia dei sottopassi e sovrappassi esistenti, e la programmazione di inserimento di nuove opere come gli ecodotti, vale a dire dei passaggi ad hoc per l’attraversamento degli animali, per garantirle loro sicurezza e sopravvivenza e diminuire drasticamente i rischi per chi viaggia in auto.

Confidiamo in un impegno serio del governo, al fine di scongiurare in futuro un numero così massiccio di incidenti, in molti casi anche gravi”.     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.