Ferrovia Pescara-Roma. Fdi: «Con il Presidente Marsilio sempre più forti e compatti. La velocizzazione della linea è strategica»

L’AQUILA – Nessuna divisione, massima compattezza e conferma della strategicità per Fratelli d’Italia della velocizzazione della linea ferroviaria Roma-Pescara.

È quanto dichiarano, in una nota congiunta che riportiamo, l’assessore regionale Mario Quaglieri, il capogruppo in Consiglio regionale, Massimo Verrecchia, e i sindaci FdI di Celano, Trasacco e Pescina, Settimio Santilli, Cesidio Lobene e Mirko Zauri. 

«Per superare il divario infrastrutturale è necessario un cambio di passo culturale a cui, a quanto pare, il Partito democratico e le sue emanazioni di accoliti, in tutte le declinazioni, non dimostrano di essere pronti.

Prova ne è – dicono gli amministratori regionali e locali di FdI della Marsica, la strumentalizzazione dei sindaci che legittimamente rivendicano attenzione per le rispettive realtà e le cui parole vengono totalmente stravolte a uso e consumo di chi intende alimentare antistorici e incomprensibili sentimenti campanilistici.

Nessuno, in alcun modo, ha mai messo in discussione la valenza strategica della velocizzazione del collegamento ferroviario Pescara-Roma, frutto di una precisa volontà politica del presidente della Regione, Marco Marsilio, che, oltre a tirare fuori dai cassetti il progetto e riuscire a farlo collocare tra le opere prioritarie finanziate con il Pnrr, ha mostrato di avere una visione d’insieme dei territori e formulato scelte lungimiranti per svilupparla.

Un esempio ne è la nomina dell’ex direttore generale della Regione Abruzzo, Barbara Morgante, già amministratore delegato di Rfi, con cui è stato possibile reinserire il tema dei collegamenti su ferro al centro dell’agenda politica regionale e nazionale.

La connessione tra L’Aquila e l’area marsicana, con l’obiettivo di accelerare quella con la Capitale a vantaggio dell’intero comparto delle aree interne, ivi compresa la Valle Peligna, è un’iniziativa del tutto complementare, se non addirittura funzionale, a quella in essere per la Pescara-Roma.

Non c’è alcun pericolo che quest’intervento penalizzi il processo di ricongiungimento rapido tra la dorsale tirrenica e quella adriatica, che sempre grazie alla Regione è stata inserita nelle reti Ten-T.

Non è più tempo di guerre territoriali ma occorre avere una comune prospettiva su cui siamo pronti al confronto e dare seguito a una volontà già affermata in una lettera che il presidente Marsilio e il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, avevano inviato a gennaio 2022 ai primi cittadini dei centri interessati dagli interventi di sviluppo e potenziamento delle reti ferroviarie.

Alle boutade mediatiche del Partito democratico e del centrosinistra Fratelli d’Italia e la sua classe dirigente non rispondono se non con i fatti, il lavoro e con proposte concrete su cui poter discutere e ragionare.

È il nostro modo di intendere la politica e l’amministrazione delle nostre comunità».