Gdf: 94 persone indagate, arrestato un professionista

GIULIANOVA – Finanzieri della Compagnia di Giulianova, al termine di una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Teramo, hanno eseguito un provvedimento di misura cautelare personale ai domiciliari nei confronti di un professionista residente nella provincia teramana nonché reale di sequestro preventivo di 90.000 € quale truffa ai danni dello Stato.

L’arresto consegue ad una articolata attività investigativa svolta in sinergia con l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Teramo, con la quale è stato appurato che il professionista, depositario delle scritture contabili delle società coinvolte, in concorso con un Avvocato della provincia di Teramo sono riusciti ad ottenere, indebitamente, il rinnovo del permesso di soggiorno di 80 cittadini extracomunitari (originari della Tunisia, Marocco,
Bangladesh). Tale illecito, è stato commesso mediante la redazione di falsa
documentazione riferibile a contratti di lavoro, comunicazioni di instaurazione rapporti di lavoro e buste paga riconducibili a fittizi rapporti lavorativi intercorsi con 3 aziende, artatamente costituite e di fatto inesistenti, ed i soggetti extracomunitari.

Tale documentazione, preparata “ad hoc”, oltre ad essere inviata telematicamente dallo studio del professionista per implementare falsamente il sistema informativo lavoro della Regione Abruzzo, veniva consegnata dai soggetti extracomunitari a vari sportelli unici per l’immigrazione distribuiti sul territorio nazionale, permettendo a questi ultimi di ottenere il rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno. È emerso, inoltre, che una parte dei falsi lavoratori è riuscita anche a conseguire indebite erogazioni pubbliche a sostegno del reddito (aspi, naspi, maternità) per un importo totale quantificato in € 55.671,62.

Le 3 aziende “costituite fittiziamente”, di cui una riconducibile allo stesso professionista, sono servite anche ad alimentare un giro di fatture per operazioni inesistenti per un totale di 340 mila euro, emesse a supporto di prestazioni di lavoro mai effettuate, che venivano annotate in contabilità da 5 aziende riconducibili nella titolarità e/o nella gestione allo stesso Ragioniere, individuato quale “dominus” dell’intera vicenda è stato, altresì, segnalato per “esercizio abusivo della professione” avendo esercitato l’attività di consulente del lavoro ed esperto contabile in assenza di iscrizione ai rispettivi albi professionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *