“Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Tinto di arancione il Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila in adesione alla campagna “Orange the World”

L’AQUILA – Il Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila anche quest’anno ha rinnovato la propria partecipazione alla campagna internazionale “Orange the World”, promossa dalle Nazioni Unite, che coinciderà con la “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.

Il Comandante Provinciale, Col. Nicola Mirante e la presidentessa del club Soroptimist International del capoluogo, prof.ssa Flavia Stara, tornano a sostenere l’iniziativa, illuminando di arancione (colore simbolo scelto dall’UN Women –Ente delle Nazioni Unite– per simboleggiare un futuro senza violenza sulle donne) la caserma dove risiede il Comado Provinciale Carabinieri di L’Aquila.

Lo stabile, emblema di legalità a tutela delle fasce più deboli, ospita una delle 155 stanze su tutto il territorio nazionale che permettono ogni giorno l’ascolto protetto delle vittime vulnerabili. Il locale è stato realizzato due anni fa nell’ambito del progetto “Una stanza tutta per sé”, sostenuto dall’Associazione Soroptimist International, ed ha agevolato l’ascolto delle vittime di abusi che hanno chiesto aiuto ai Carabinieri di L’Aquila.

Anche quest’anno sono tante le caserme dell’Arma che si illuminano di arancione,segnale tangibile dell’assoluta attenzione dei Carabinieri a invogliare le donne vittime di violenze a denunciare.

Nonostante la crisi energetica, l’Arma non ha voluto rinunciare a questo forte segnale simbolico e lo ha fatto – questo è bene sottolinearlo – senza aumentare i consumi energetici con nuove illuminazioni, ma semplicemente usando quelle già in funzione.

È questa l’occasione giusta anche per ricordare che questo triste fenomeno delittuoso si combatte anzitutto formando uomini e donne rispettosi della legalità. Una sfida che comincia da lontano, tra i banchi di scuola, quando si forma la cultura ma soprattutto la coscienza dei cittadini del futuro.

In tale ottica, i Carabinieri hanno deciso di puntare sulla creatività proprio degli studenti, coinvolgendoli in un progetto a livello nazionale.

In particolare, L’Arma ringrazia i ragazzi di un Istituto superiore (Ist. Tecn. Sup. G. B. Vaccarini di Catania) che hanno dato il loro apporto con un breve video contro la violenza di genere, che verrà trasmesso sui social istituzionali e – gratuitamente – su 1200 schermi presenti in 125 stazioni ferroviarie, nonché sul pannello multimediale posto sull’apice della Stazione Cadorna a Milano nell’omonima piazza. Gli studenti di un’altra scuola (Ist. Tec. Sup. C. Musatti di Dolo – VE), invece, hanno realizzato una fotografia (diffusa via social) e un logo pubblicitario che è diventato parte integrante di una video motion(videografica) – che verrà diffusa sui canali social dell’Arma – nella quale un “avatar Carabiniere donna” mette in guardia sui comportamenti che costituiscono forme di violenza e che spesso si ha la tendenza a sottovalutare.

Quest’anno, in collaborazione con Radio Rai, è stato realizzato un podcast che sarà messo in onda oggi 25 novembre su Rai play sound e sul sito www.carabinieri.it, con rilanci sui social istituzionali. Il Podcast conterrà un estratto di un intervento del Comandante Generale Gen. C.A. Teo Luzi e del Presidente del “1522” Elisa Ercoli, Help line per la violenza e lo stalking.

Per far fronte a questa dolorosa piaga sociale, tutte le iniziative messe in campo sono preziose ma da sole non bastano.

Per questo la Benemerita si è dotata di altri strumenti, come i Reparti centrali Specializzati che elaborano valutazioni sui “fattori di rischio” in favore dei reparti periferici operanti sul territorio, con programmati corsi di formazione a favore del personale.

In questo delicato ambito, è importante ricordare anche l’Accordo tra i Ministri della Difesa e per le Pari Opportunità, cui è seguito il rinnovo della collaborazione tra il D.P.O. e l’Arma, tutt’ora vigente, che ha previsto l’impiego di personale dell’Arma effettivo alla Sezione Atti Persecutori di occuparsi dello sviluppo di attività di ricerca e analisi, nonché della formazione del personale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e degli operatori del numero di pubblica utilità “1522”, Help line per la violenza e lo stalking.

Non meno importante è l’impegno che è scaturito dall’accordo di sensibilizzazione in favore delle scuole, alle quali sono stati dedicati cicli di formazione.

Nell’ambito delle iniziative di questo 25 novembre, l’Arma dei Carabinieri insieme a Fondazione Vodafone Italia e Soroptimist International d’Italia annunceranno l’avvio di Mobile Angel, un progetto pilota che prevede – a Torino, Milano e Napoli – la consegna di un device a 45 donne, vittime di maltrattamenti. Il dispositivo con un sistema di allarme permetterà di attivare le Centrali Operative dei Comando dell’Arma, permettendo così di intervenire tempestivamente.

Continua, dunque, la campagna di sensibilizzazione portata avanti senza soste dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri anche attraverso i social e il web.

Il tornare a “tingere” di arancione il comando Provinciale in adesione al progetto “Orange the World”, è ancora un segnale di presenza e di forte di vicinanza a tutte le donne che subiscono violenze ed il successo istituzionale è quello infondere loro coraggio nel denunciare ogni forma di sopruso.