Giornata Mondiale del Suolo, per l’occasione il Parco Nazionale della Maiella ci mostra una varietà locale recuperata: tuberi e campi di patata “sessanta” dei Monti Pizzi

SULMONA – “Anche quest’anno il 5 dicembre i geoparchi mondiali celebrano la Giornata Mondiale del Suolo, istituita nel 2014 dalla FAO per sensibilizzare sull’importanza di suoli sani per gli ecosistemi e per la vita dell’intera umanità – ricorda il Parco Nazionale della Maiella -.

Il tema di quest’anno è “Suoli: dove inizia il cibo” per sottolineare la necessità di mantenere suoli sani pur favorendo il benessere umano. Il suolo è una risorsa naturale, non rinnovabile, molto preziosa anche se questo non sempre è ben compreso dalla collettività. È una componente chiave della vita rurale ed è soprattutto la base per la produzione di alimenti.

Ecco perché oggi il #maiellageopark posta queste immagini che mostrano tuberi e campi di patata “sessanta” dei Monti Pizzi, varietà locale recuperata insieme a molte altre in questi anni ed ora in coltivazione presso aziende custodi.

Il ripopolamento di alcune aree montane abbandonate e la nascita di nuove imprese legate all’agricoltura (anche giovanili) oggi presenti testimonia proprio come sia possibile usare il suolo in modo sostenibile per produrre frutti, ortaggi, o cereali di vecchie cultivar locali che, seppur prodotte in piccole quantità, non necessitano di trattamenti chimici, hanno sapori unici e sono persino alla base di ricette tradizionali che in questo modo possono essere ancora gustate dai visitatori in alcuni ristoranti del posto”.