I Carabinieri arrestano cittadino tunisino per violenza a pubblico ufficiale e lo denunciano per lesioni e maltrattamenti in famiglia

RIETI – I Carabinieri della Stazione di Collevecchio hanno arrestato un trentenne originario della Tunisia, già noto alle forze di polizia, per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, e lo denunciano anche per lesioni personali e maltrattamenti contro familiari.

I militari, nella tarda serata, sono intervenuti a Tarano, in soccorso di una donna che ha chiamato il 112, poiché ripetutamente percossa dal compagno.

All’arrivo dei Carabinieri l’uomo si era già allontanato, ma, dopo pochi minuti, si è ripresentato a casa della donna e, in forte stato di agitazione, pretendendo di parlare con la compagna, ha strattonato con violenza i militari, che sono riusciti, anche grazie al tempestivo intervento dell’equipaggio della pattuglia della Stazione di Configni, a riportarlo alla calma e a condurlo in Caserma a Collevecchio.

Anche all’interno della Stazione, il giovane ha dato nuovamente in escandescenze, danneggiando gli arredi e tentando, invano, di sbattere la testa sulle pareti.

Non è riuscito nel suo intento autolesionistico solo grazie alla professionalità dei Carabinieri presenti.

Per tali ragioni, l’uomo, tratto in arresto, dopo il fotosegnalamento è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Poggio Mirteto, in attesa di giudizio con rito direttissimo.

La malcapitata, invece, a causa delle lesioni patite, ha fatto ricorso alle cure del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Rieti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.