I consiglieri 5 Stelle a Marsilio:”Una vergogna continua, solo spreco di denaro e inefficienza”

L’Aquila- I consiglieri del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale attaccano come un fiume in piena l’attuale maggioranza di centrodestra ed in particolare la giunta ed il Presidente Marco Marsilio per l’inefficienza dei provvedimenti attuati, i ritardi nell’erogazione dei fondi del tanto discusso e sbandierato Cura Abruzzo, circa i milioni dati al Napoli Calcio e sulla mancanza di un piano strategico per limitare la diffusione del virus e gestire, come si dovrebbe, la situazione sanitaria.

Marcozzi: “I 12 Milioni di euro per il Napoli siano subito destinati alle imprese Abruzzesi”.

“Il Presidente della Commissione Bilancio Vincenzo D’Incecco batte un
colpo dopo mesi di silenzio. Invito Lega, Fratelli d’Italia
e Forza Italia a destinare immediatamente gli oltre 12 milioni di euro, trovati in poche ore per ospitare in Abruzzo i ritiri del Napoli Calcio, alle nostre piccole e medie imprese. La situazione che viviamo in questo momento richiede interventi straordinari: quei soldi devono finire nelle tasche delle PMI abruzzesi il prima possibile”.

Sara Marcozzi, Capogruppo M5S in Regione Abruzzo.

Taglieri:” Posti letto in cambio di infermieri? E’ Una Vergogna”.

“ L’istituzionalizzazione del baratto sanitario all’interno di Regione Abruzzo è una vergogna. Lavoratori, trattati come banconote e non come professionisti. Questa volta è toccato alla Asl di Teramo che, in data 23 ottobre, ha approvato un accordo con la Asl di Pescara per ottenere un massimo di due posti letto di terapia intensiva e dieci di terapia non intensiva all’interno del Covid Hospital, dando in cambio le prestazioni di sei infermieri, che andranno così a lavorare presso l’Azienda Ospedaliera pescarese fino al termine dell’emergenza. E’ evidente che il Covid Hospital di Pescara non sia a disposizione immediata di tutto il territorio”.

Francesco Taglieri, vicepresidente della Commissione Sanità in quota M5S

Pettinari:” Inutili nuove leggi per destinare fondi se quelli già previsti non sono ancora arrivati agli Abruzzesi.

Una vera e propria task force amministrativa, che attivi impiegati e dirigenti al fine di evadere tutte le domande per i contributi a fondo perduto previsti della Regione Abruzzo e destinati a favore dei settori turismo, commercio al dettaglio e altri servizi, che dimostrino la perdita di guadagno causata dall’emergenza Covid.
Il “Curabruzzo 1 e 2”, sono soldi che rappresentano
la differenza tra la vita e la morte di piccole attività commerciali. Perciò non c’è più tempo da perdere, è arrivato il momento che gli abruzzesi siano ristorati dei guadagni non percepiti a causa dell’emergenza Covid. Evadere tutte le domande ancora nei cassetti, prima di
legiferare su altri aiuti, è indispensabile.

Domenico Pettinari, vicepresidente del Consiglio regionale

Stella:” Per un Tampone code interminabili, la ASL Chieti intervenga immediatamente”

“Mi auguro che al più presto la Asl2 individui ed attivi un
drive-in anche a Chieti. Dopo la chiusura della settimana scorsa della postazione del 118 nell’Ospedale “Ss. Annunziata”, che, a detta dello stesso responsabile del 118, si trattava di un’iniziativa adottata in una situazione di emergenza e per fare fronte ad una necessità, ad oggi esistono solo 3 drive-in per i tamponi: ad Atessa, a Gissi e ad
Ortona. Mentre a Chieti, dove è presente un policlinico clinicizzato, in un area di oltre 50 mila utenti, non è presente alcun centro per l’effettuazione del tampone, costringendo i cittadini a percorrere 40/50 chilometri di auto e ore di fila e attese interminabili: questo non è assolutamente accettabile”.

Consigliera regionale del M5s Barbara Stella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.