“I Love Lego” attende coloro che anche adulti sono sempre bambini: a Foligno l’esposizione di installazioni con i famosi mattoncini

Quando si videro per la prima volta in Italia i Lego, noi bambini fummo terribilmente affascinati da tutti quei mattoncini colorati, di diverse dimensioni, che potevano essere incastrati l’uno con l’altro in modo da poter dar vita a qualunque costruzione la nostra fantasia ideava.

Oggi, si vedono nelle vetrine dei negozi di giocattoli integrazioni e fantasmagoriche costruzioni che per noi erano solo fantascienza.

Di certo, allora come oggi, i ‘mattoncini Lego’ rimangono sicuramente i più famosi al mondo ma, cosa più importante, gli strumenti per poter costruire, mettendo in campo la più sfrenata fantasia, infinità di mondi all’interno dei quali inserire tantissimi personaggi che vivono diversissime storie.

Sarà davvero istruttivo allora andare a visitare la mostra I LOVE LEGO che si terrà a Foligno dal 7 dicembre 2022 al 4 giugno 2023.

Promossa da Palazzo Trinci – Museo della Città e dal Comune di Foligno, è prodotta e organizzata da Piuma in collaborazione con Arthemisia.

La mostra, non è direttamente sponsorizzata da LEGO ma è realizzata grazie ad alcuni dei più grandi collezionisti del mondo.

La mostra ospiterà sette immensi diorami (per i non addetti: riproduzione in scala ridotta di una scenografia che ricrea diverse ambientazioni: habitat degli animali, momenti storici, scene di vita quotidiana, eventi mitologici o fiabeschi), naturalmente costruiti con i solo mattoncini Lego che rappresentano i più disparati contesti: scenari caraibici, aree naturalistiche, centri storici e suolo lunare, stazioni ferroviarie e strade alla suggestiva riproduzione della Roma del medioevo; ambientazioni realizzate in decine di metri quadrati con oltre mezzo milione dei mattoncini.

Natale all’insegna del sogno, del divertimento, dello stare in famiglia e/o con gli amici per tutti coloro che possono ancora giocare e per coloro che potranno tornare indietro nel tempo e divertirsi ancora.

E al divertimento del (ri)vedere le popolarissime minifigures inserite nei contesti di riferimento, si aggiungerà quella del gioco “in presenza”: tra boschi e palazzi, tra astronavi e pirati sarà un sfida rintracciare personaggi celebri (e non) nascosti all’interno delle installazioni: personaggi di ogni tipo “nascosti” tra le costruzioni che i visitatori dovranno ritrovare in una entusiasmante caccia al personaggio dove lo svago è assicurato per i più piccoli come per i grandi.

E ora una domanda seria: il divertimento può essere anche Arte?

Rispondiamo, certi di non disattendere le intenzioni degli organizzatori dell’evento.

Sicuramente si!

Accanto ai famosi mattoncini e alle loro realistiche, ma anche immaginifiche, ricostruzioni ecco due esposizioni che confermano: la Mostra di Stefano Bolcato nelle cui tele rivisitazioni in versione ‘omini LEGO’ delle più grandi e famose tele e capolavori della storia dell’arte, dalla Gioconda ai più attuali quadri di Frida Kahlo e poi, anche le vignette/installazioni comiche del collettivo LEGOlize – autori nel 2016 dell’omonima pagina umoristica che oggi conta oltre 2 milioni di followers sui social – dove la comicità diventa arte.