Il Calcio e lo sport come impegno civile: incontro dell’ANPI, sabato 13 novembre ore 17:00 – Salone della CGIL

“Da sempre lo sport è espressione e metafora della società. E gli stadi sono ancora oggi luoghi dove si incontrano e scontrano integrazione e rispetto ma anche intolleranza e razzismo. E nella storia molti atleti – di calcio o rugby, ciclismo o pugilato, atletica o qualsiasi disciplina – sono stati esempio di coraggio politico, testimoni di battaglie di civiltà e dignità. Di questo parleremo sabato prossimo presentando “Cuori partigiani”, il libro che ci offre la storia, mai raccontata, dei campioni della Resistenza.” Anpi spiega così l’evento organizzato per il weekend.

“Le gesta dei calciatori partigiani, raccontate da Edoardo Molinelli, attingendo al cuore dello sport più popolare del mondo, danno un contributo speciale alla stessa comprensione della Resistenza come fenomeno di massa. Ci narrano di Raf Vallone, grande attore e campione d’Italia col Torino, di Giacomino Losi da Soncino, detto “core de Roma”, secondo solo a Totti e a De Rossi per presenze con la maglia giallorossa, di Bruno Neri, mediano della nazionale e di tanti altri che, mentre sull’Italia infuriava l’occupazione nazifascista, compirono la stessa scelta fatta allora da migliaia di ragazzi: lasciarsi tutto alle spalle per imbracciare il fucile e combattere contro tedeschi e fascisti.” raccontano gli organizzatori.

Aggiungono infine sempre da ANPI: “E, finalmente, le vere vite di grandissimi calciatori, ma spesso sconosciuti protagonisti della Resistenza, vengono iscritte ad una sola, grandissima squadra: quella che si riconosce nei colori della giustizia sociale e della libertà. Con l’autore, intervistato da Roberto Ciuffini, sono invitate le principali società e associazioni sportive aquilane, per saluti e testimonianze a dimostrazione che il calcio e lo sport possono essere un formidabile strumento di riscatto e di socialità, di progresso e democrazia.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.