“Il Serpieri con le aziende, le aziende con il Serpieri!” All’Istituto Agrario di Avezzano prosegue il progetto di sinergia con le maggiori realtà agroalimentari del territorio

AVEZZANO- “Il Serpieri & le aziende”. Questo è il titolo di un importantissimo progetto, curato dal prof. agronomo Alessandro Marini, che vuole dare come principale obiettivo agli studenti del celebre Istituto Serpieri di Avezzano, una formazione di qualità che risponda alle esigenze del mondo del lavoro.

“Le aziende agroalimentari hanno sempre più bisogno di personale altamente specializzato e qualificato che sia in grado di operare, da professionista, in un settore che oggi si caratterizza per le ampie basi scientifiche e per le tecnologie avanzate che ne contraddistinguono i processi.

Per questo motivo – afferma Luigi D’Apice, Presidente di OPOA Marsia e titolare dell’azienda “Lago d’oro” – intessere relazioni con la scuola è fondamentale.

É importante far conoscere agli studenti, che saranno i professionisti di domani, quanto sia determinante nel mercato odierno consorziarsi tra produttori per avere maggiore forza e qualità. Ed è stata questa la scelta compiuta dai soci dell’OPOA Marsia che qui rappresento”.

Così precisa Marco Di Cicco responsabile commerciale dell’OPOA: “Nata dalla fusione di due aziende di produttori del Fucino nel 2018, OPOA Marsia è un’OP di 24 soci, per un totale di circa 140 operatori.

Alla vocazione orticola che contraddistingue la piana del Fucino si somma il valore aggiunto dell’organizzazione e della gestione centralizzata delle vendite”. 

Oltre agli incontri con gli studenti, il progetto scuola/azienda prevede visite alle sedi aziendali, esperienze “in campo” e percorsi di PCTO.

L’Istituto Tecnico e Professionale Agrario “A. Serpieri” con le sue sedi di Avezzano, Pratola Peligna e Castel di Sangro, ha avviato negli ultimi anni una serie di sperimentazioni e progetti che, coniugando il rispetto per la tradizione con l’innovazione e implementando le relazioni con le realtà produttive, hanno portato ad un significativo aumento delle iscrizioni.

La Dirigente Scolastica Cristina Di Sabatino così aggiunge: “É necessario, infatti, innescare un percorso virtuoso e ciclico mediante il quale la scuola, che ha il ruolo di formare i futuri professionisti del settore, lo faccia in base alle variegate richieste che provengono dal mondo produttivo.

Nello stesso tempo è interesse delle aziende avere a disposizione personale formato, a vari livelli, che possa essere inserito direttamente nel contesto lavorativo essendo già in possesso dei requisiti necessari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.