Trentacinquenne aggredito in piena notte per strada ad Avezzano: non è stato nemmeno derubato

AVEZZANO – Trentacinquenne di Avezzano aggredito da tre sconosciuti per strada in piena notte.

E’ la mezzanotte di venerdì 1 aprile 2022, in un’inquietante e cupa Via Garibaldi, fatta di serrande abbassate da tempo, di spettrali luci cittadine, una persona sui trentacinque anni cammina in direzione della stazione diretto a casa.

Improvvisamente tre uomini, ragazzi o meno, gli saltano addosso e lo aggrediscono cominciando a picchiarlo selvaggiamente.

L’uomo stava tornando a casa quando tre persone sono uscite dal buio e lo hanno picchiato

Lui cerca vanamente di difendersi e riesce alla fine a chiamare i Carabinieri che accorrono.

Dei tre non c’è traccia: compiuto l’agguato si sono dileguati nella notte, quasi diavoli scaturiti dall’Inferno che sembra covare sotto la Città.

I Carabinieri accompagnano l’uomo, G.E., al Pronto Soccorso, dove gli vengono riscontrate decine di ecchimosi al viso, rottura del setto nasale e altri segni della furia senza senso degli aggressori.

L’aggredito, nello stato confusionale in cui si trovava, non ha potuto dire granché se non che gli aggressori fossero in tre e di non essere riuscito a vedere molto perché è stato preso assolutamente di sorpresa.

L’uomo aggredito è stato trattenuto in ospedale per ulteriori accertamenti e i Carabinieri lo hanno invitato a presentarsi appena possibile al comando per la denuncia.

Abbiamo tentato una qualche ricostruzione, intervistando l’aggredito e abbiamo potuto mettere insieme le seguenti informazioni.

L’aggredito è ora ricoverato all’ospedale di Avezzano dove sarà sottoposto ad accertamenti ulteriori

Uscito di casa tra le 19 e le 20 si era recato in un bar di via Garibaldi con due amici per prendere insieme qualcosa.

Più tardi, lasciati gli amici, si era fermato in un locale e vi era rimasto fino alla mezzanotte, quando si era riavviato verso casa.

Degli aggressori non ha saputo dare una descrizione perché non è riuscito a vederli in viso, forse uno era più alto degli altri, ma sotto i colpi inferti non è riuscito a vedere nulla di più, anche perché nel punto dell’aggressione non c’era molta luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.