La Prefettura di Rieti apre le porte di Palazzo Vincentini

RIETI – In collaborazione con la Dott.ssa Rita Giovannelli, Presidentessa dell’Associazione Rieti sotterranea, in
occasione della giornata conclusiva della manifestazione della Fiera campionaria del Peperoncino, la
Prefettura di Rieti apre domenica 5 settembre p.v. le porte di Palazzo Vincentini ad un gruppo di visitatori
che potranno ammirare le bellezze storiche ed architettoniche di uno dei più bei Palazzi del capoluogo
reatino.

I visitatori avranno l’opportunità per la prima volta di ammirare un gruppo di 5 tele recuperate dalle
macerie della città di Amatrice e provenienti dalla Chiesa di S. Caterina (detta di S. Giuseppe da
Leonessa) di proprietà del F.E.C. ora collocate in una sala dell’alloggio Prefettizio nonché il busto
ligneo/reliquiario di San Giuseppe da Leonessa, che ha trovato degna sistemazione nella cappella
gentilizia del Palazzo dedicata a Santa Barbara.

Il progetto è stato fortemente voluto dalla Prefettura e dal Fondo Edifici di Culto (F.E.C.) del Ministero
dell’Interno e realizzato in sinergia con la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per l’Area
Metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti nella persona del Dott. Cassio. Prezioso contributo è
stato fornito dal restauratore Simone Battisti che ha provveduto a mettere in sicurezza le parti delle tele
esposte nel Palazzo, danneggiate dal sisma, e dalla Prof.ssa Ileana Tozzi, Ispettore onorario per la
tutela e la vigilanza del patrimonio storico, artistico e etnoantropologico nel territorio di Rieti e del Lazio
che ha sapientemente ricostruito il contesto storico e artistico in cui le tele esposte hanno avuto vita.

L’iniziativa verrà realizzata nel pieno rispetto delle misure di contenimento del contagio previste dalla
vigente normativa (Green-Pass incluso) e potrebbe replicarsi in seguito, d’intesa con l’Associazione Rieti
sotterranea, se le condizioni della pandemia lo consentiranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *