“Le parole di una vita”: il 5 novembre ad Ortona l’omaggio a Pier Paolo Pasolini per i cento anni dalla nascita  

ORTONA – La sezione ANPI “Dario Serafini” di Ortona e la Consulta giovanile di Ortona, con la collaborazione del Comune di Ortona, celebrano Pier Paolo Pasolini a cento anni dalla nascita.

Protagonista culturale del Novecento, Pasolini ha saputo raccontare attraverso parole, immagini e pensieri il tempo di questa nostra Italia uscita a pezzi dalla Seconda guerra mondiale fino al suo omicidio perpetrato il 2 novembre 1975 all’idroscalo di Ostia.

Difensore appassionato di libertà e democrazia, figura complessa del panorama intellettuale italiano, Pasolini ha raccontato la Resistenza e la sua luce di giustizia, la vita dei più fragili, le periferie più nascoste sia fisiche che mentali, la necessità del pensiero critico.

Con l’iniziativa “Le parole di una vita” s’intende rendere omaggio a Pier Paolo Pasolini esplorando la sua arte non solo attraverso gli scritti ma anche attraverso immagini, disegni e pensieri.

“Pasolini è stato punto di riferimento culturale del Novecento”, sottolinea Antonio Pellegrini, presidente della sezione locale Anpi, “difensore dei diritti degli emarginati e dei più deboli, sostenitore della Resistenza, Pasolini lascia un patrimonio intellettuale di immensa ricchezza.

Lo celebriamo nei cento anni dalla sua nascita presentando le diverse sfaccettature della sua arte.” Nella sua vasta opera Pasolini è sempre stato attento alla sfera giovanile.

“La Consulta Giovanile del Comune di Ortona invita fortemente tutti i giovani a prender parte all’evento Pasoliniano – dice Roberta D’Introno, presidente della Consulta Giovanile di Ortona – riflettendo sul messaggio che il poliedrico artista rivolge alle nuove generazioni definendo i giovani “pieni di quella sostanza vergine dell’uomo che è la speranza, la buona volontà” esortandoli a “razionalizzare il senso di imbecillità che vi danno i grandi, con le loro solenni Ipocrisie, le loro decrepite e faziose Istituzioni.”

Il programma delle celebrazioni prevede l’inaugurazione alle 17 di sabato 5 novembre dell’esposizione “Le parole di una vita: Pier Paolo Pasolini si racconta” nell’androne di Palazzo Corvo in corso Matteotti. La mostra resterà aperta fino al 12 novembre.

Sempre sabato alle 17,30 nella sala della musica di Palazzo Corvo, si terrà un incontro con il pubblico viaggiando tra le note, le immagini e le parole di Pasolini. Partecipano il pianista Roberto Rupo, Tito Vezio Viola, già direttore della Biblioteca comunale di Ortona, e la dottoressa Asia Vitullo che presenterà “Certe mie rozze qualità di pittore-Pasolini storyboarder: Totò, il disegno e la Terra vista dalla luna”.

“Invitiamo tutti a partecipare perché sarà l’occasione per conoscere o approfondire aspetti meno conosciuti dell’arte di Pasolini, eccezionale testimone del Novecento”, concludono Pellegrini e D’Introno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.