Meteo. Nuvolosità alternata a momenti soleggiati con temperature miti ad inizio Febbraio. Correnti fredde artiche e fiocchi di neve da metà settimana

Meteo. Delle infiltrazioni d’aria umida di natura atlantica, continueranno a procurare nuvolosità bassa e compatta sui nostri settori occidentali, con associate pioviggini. Le nubi si alterneranno a timide schiarite e, nella giornata di lunedì, tornerà a splendere il Sole. A partire dall’inizio della settimana prossima, il rinforzo dell’Anticiclone di matrice Subtropicale, favorirà, oltre alla subsidenza atmosferica che farà evaporare le nubi, cielo sereno e temperature massime molto miti, mediante il richiamo di una massa d’aria molto tiepida proveniente dal Nord Africa, fino alla Sardegna e al resto d’Italia, ove, localmente lo zero termico sfiorerà i 4000 m. Un clima insolitamente mite, dunque, specie sulle regioni centrali e meridionali, sia lunedì che martedì. Le temperature minime della notte e del primo mattino, evidenzieranno un’aria più fredda, specie nelle valli e nelle zone interne montuose, a causa delle inversioni termiche che innescheranno nebbie in Val Padana, in graduale dissolvimento. Nelle giornate di mercoledì e di giovedì, invece, ci sarà uno sbalzo termico, poiché, le temperature, sia massime che minime, crolleranno da valori primaverili a valori pienamente invernali e, attraverso il Wind Chill (ossia la sensazione di freddo percepita in caso di forte vento), si inizierà ad acuire il freddo più intensamente. L’Anticiclone delle Azzorre, si eleverà quindi verso il Nord Atlantico, permettendo l’arrivo di una massa d’aria molto fredda di origine artica verso l’Europa orientale e l’Italia, in particolare sui settori adriatici. Nevicherà per effetto stau lungo l’Appennino centro-meridionale e meridionale fino a quote molto basse, nevicate che sfioreranno anche le pianure del Centro-Sud verso il fine settimana, in un contesto variabile, in alternanza con i momenti soleggiati e i venti gelidi di Grecale sui settori occidentali appenninici; vento freddo anche ad oriente, sul medio/basso Adriatico e sullo Ionio. Ne riparleremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *