Minaccia i genitori e distrugge la casa per avere i soldi per la droga. Arrestato giovane a Pescara

PESCARA – Giovane pescarese arrestato dopo l’ennesima lite, con tanto di pesanti minacce, con i genitori ai quali da mesi chiedeva ripetutamente denaro. Una vita che, in sostanza, per la coppia pescarese si era trasformata in un vero incubo al quale faceva da sfondo la tragedia della droga.

Ieri, quindi, la lite, l’ennesima, condita dalle minacce e dalla richiesta di denaro, con cui acquistare la cocaina. L’altro pomeriggio, al culmine della discussione in un appartamento del centro di Pescara, D C. L. di 29 anni, ha mandato in frantumi tutto quello che gli capitava, impossessandosi dell’argenteria custodita in un mobile del salotto. Alle Volanti intervenute sul posto, il padre e la madre del ragazzo hanno riferito che poco prima il figlio li aveva aggrediti con la richiesta di ottenere mille euro. Al rifiuto dei genitori, il giovane ha sfogato la propria rabbia contro i mobili e le suppellettili di casa, prima di uscire.

Gli agenti della Squadra Volante di Pescara lo hanno rintracciato in pochissimo tempo e, in considerazione dei diversi interventi effettuati dalle Forze dell’Ordine in quell’appartamento negli ultimi mesi e di una segnalazione da parte dei condomini che vivono nello stesso stabile, lo hanno arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione.  Il Pubblico Ministero di turno ha sottoposto il giovane agli arresti domiciliari in un luogo diverso dalla casa di famiglia, in attesa delle decisioni del Tribunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *