Mtb Abruzzo Cup: domenica 5 giugno a Scanno l’immancabile Marathon degli Stazzi

Scanno – C’è fermento nella Valle del Sagittario: a Scanno la Marathon degli Stazzi arriva a quota 19 edizioni e domenica 5 giugno si appresta ad aprire i battenti a ritmo di salite e di dislivelli che metteranno a dura prova le gambe dei bikers da tutto l’Abruzzo e dalle regioni vicine.

Gli organizzatori della Mtb Scanno capitanati da Mario De Vincentis stanno vivendo momenti di duro lavoro e al contempo sono animati dal vivo desiderio di assicurare il più ampio successo: annualmente tutto il paese collabora attivamente per la buona riuscita della manifestazione per lasciare un piacevole ricordo e il desiderio di tornare ad apprezzare le meraviglie di Scanno e dell’omonimo lago a forma di cuore.

Con la possibilità di scegliere la marathon di 64 chilometri e la granfondo di 42 chilometri, la  manifestazione si rifà ai noti “stazzi”, ovvero i rifugi dei pastori che caratterizzano le montagne di Scanno (ed il percorso di gara), testimonianza di una forte tradizione agricola e zootecnica che rendevano il paese uno dei più ricchi della transumanza.

La 19°edizione, intitolata alla memoria di Cesidio Caranfa, è valida per non solo per il circuito regionale Mtb Abruzzo Cup ma anche per quello extra-regionale I Sentieri del Sole e dei Sapori.

LE CARATTERISTICHE DEI PERCORSI

La partenza della Marathon degli Stazzi avverrà in Piazza Santa Maria della Valle (alle 9:30) da cui si raggiungerà il bivio di Frattura. Al quindicesimo chilometro km, in località “Stazzo dei Piselli” (1770 metri sul livello del mare), è posto il primo ristoro mentre con un altro km di salita si raggiungerà il Valico del Monte Genzana che con i suoi 1817 metri è il punto più elevato del percorso nonché gran premio della montagna. Una veloce discesa sterrata condurrà nel meraviglioso altopiano posto nel cuore della riserva “Chiarano-Sparvera”. Al 25° km la salita del Curio che culmina ai 1680 metri dell’omonimo valico (27° km). Poi giù, a capofitto, verso Jovana, lungo l’impervia Valle Cupa. In località Jovana (30° km) inizia una nuova salita lungo la quale ci si potrà rifocillare nel secondo ristoro. Al chilometro 33 c’è il bivio percorso lungo/ corto: gli atleti impegnati nella 64 km dritti per raggiungere il pianoro di Mimola ed affrontare la successiva salita in single track della Lama di Bocca. I partecipanti alla 42 chilometri dovranno girare a destra ed affrontare il single track che riporta verso valle fino a lambire di nuovo la zona di Jovana. Ci sarà poi una salita di 1,5 chilometri fino alla Masseria di Cristo (35° km). Da qui lunga discesa (prima tecnica, poi filante) lungo il vallone delle Masserie. Raggiunto il ponte delle Schelelle (39° km) si costeggerà il fiume Tasso sino a raggiungere Viale degli Alpini. Per entrambi i percorsi l’arrivo è posto nel centro storico del paese con le ultime asperità del durissimo percorso rappresentate proprio dalle rampe in pavé dell’antico borgo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.