Musica. Il valore della “parola” con Alessandro Di Zio: dall’amicizia con Giò Di Tonno al progetto Still Life With Cat

Still Life With Cat è un progetto di musica alternativa con sede a Pescara. L’idea di lavorare a questo progetto nasce nel 2013 quando l’autore di testi Alessandro Di Zio e il chitarrista, polistrumentista e compositore Giampiero Mariani decidono di unire le loro esperienze passate e iniziano a scrivere canzoni.

Nato a Pescara nel 1973 Alessandro Di Zio, nutre da sempre una grande passione per le parole proprio “dal momento in cui imparo a scriverle su un foglio e questo anche grazie al maestro delle elementari Giovanni Iacovelli che ha fatto in modo che ognuno dei suoi allievi potesse esprimersi attraverso la creatività. Io naturalmente scelsi la poesia.

Nella stessa classe della scuola elementare c’era anche Giovanni Di Tonno, con il quale ho stretto subito amicizia ponendo le basi per una collaborazione durata più di 30 anni”.

Tanti sono i progetti e le soddisfazioni per un pescarese che non ha mai smesso di credere nel potere  della musica e dei testi delle canzoni sin da adolescente, ed oggi, è anche collaboratore (e sin dal 2017, dopo l’incontro con lo scrittore Peppe Millanta) della Scuola Macondo di Pescara dove gestisce un corso per imparare a comporre testi originali rivolto “a chi ama la musica, a chi è capace di perdersi dietro una canzone, a chi canta a squarciagola, a chi tra le note si consola”,  e da docente ammette “verso i 16 anni dopo aver imparato a strimpellare la chitarra con un maestro eccezionale, Paolo Giordano (io sono uno dei tantissimi pescaresi che ha imparato ad amare la musica e la chitarra grazie a lui), e dopo aver cominciato a provare a scrivere canzoni, io e Giò abbiamo iniziato a collaborare e finalmente ho trovato il mio ruolo artistico nel mondo della musica, quello di autore del testo”.

Fondamentali le collaborazioni con Giò Di Tonno, Giampiero Mariani e Lisa Monaco

Il concept album “Megadream” comincia a prendere forma e nel 2015 la cantante Lisa Monaco si unisce al progetto dando una nuova direzione alle melodie vocali; l’album di debutto che parla di un mondo distopico dominato dalle macchine viene pubblicato il 17 novembre 2018.

Giò Di Tonno

Il 2020 è un anno ricco di novità per il progetto Still Life With Cat: il brano “Brain” esce il 17 settembre 2020, è un brano pop alternativo e sperimentale che anticipa il concept album full lenght “Bodies Stories” che esce il 10 dicembre 2021.

Il secondo disco di “Still Life With Cat” sì intitola “Bodies Stories” ed è un concept album di nove brani ognuno intitolato e correlato ad una parte del corpo al fine di leggere ed esplorare i vari aspetti, tra sentimenti e comportamenti dell’uomo.

«Ogni canzone racconta una storia diversa – racconta Di Zio –  che parte proprio dalla materia che costruisce l’uomo, la materia emotiva. Atmosfere oscure, potenti suoni di synth e chitarre elettriche, pianoforti elettrici malinconici e mellotron, ma anche melodie orecchiabili, chitarre acustiche, armonie chiare ed elaborate di cori, flauti e corni fanno di “Bodies Stories” un album colorato e caleidoscopico».

Con “Bodies Stories” il progetto di musica alternativa “Still Life With Cat” estende le sue collaborazioni chiamando al suo interno la cantante Marlò, la fotografa Erika Secondino e la regista e attrice Gabrielle Finnegan che ha realizzato i video di “Brain” e “Liver”. Un terzo video di “Gabrielle” uscirà nel 2022, così da comporre una trilogia disponibile sul canale YouTube ufficiale di “Still Life With Cat”.

“Still Life With Cat” è incluso nel roster di Endless Groove Records e nel catalogo editoriale di Velvet Room.

Qaulche nota sul percorso artistico di Alessandro Di Zio

  • con Giò Di Tonno ci sono state tantissime avventure musicali che hanno portato le loro canzoni a partecipare al festival di Sanremo con “La voce degli ubriachi” (1993), “Senti uomo” (1994) e “Padre e padrone” (1995);
  • 1994, “Giò Di Tonno” raccoglie le prime canzoni scritte insieme o da soli (dentro c’è anche l’unica canzone pubblicata della quale Alessandro è autore di testo e musica);
  • 2003, Di Zio scrive un romanzo prendendo spunto da fatti privati accaduti negli anni precedenti: ne esce fuori un racconto lungo in forma di prosimetro dal titolo “Il veliero di metallo” pubblicato dalla casa editrice “L’Autore Libri Firenze” e ripubblicato qualche anno dopo dallo stesso autore come e-book in una versione più snella e senza censure;
  • 2008, è l’ora di “Santafè” uscito dopo la vittoria di Sanremo del duetto Giò Di Tonno e Lola Ponce; in questo disco Di Zio è autore di tutti i testi (tranne della canzone “Colpo di fulmine” vincitrice del festival e scritta da Gianna Nannini); nel disco, insieme alle canzoni che insieme a Giò ha continuato a scrivere negli anni, c’è anche la canzone “L’amore è un elefante” scelta come inno dall’AIL (associazione contro leucemia e linfoma) e “Le cose che ho”, canzone che chiude l’album e che include una poesia di Alessandro recitata da Giancarlo Giannini. Il titolo “Santafè” è un omaggio al quartiere Santa Filomena di Montesilvano in cui Alessandro e quei ragazzi che amavano chiamare con il nome esotico della città di frontiera americana sono cresciuti;
  • 2013, inizia la collaborazione con Giampiero Mariani, chitarrista, polistrumentista e compositore di Montesilvano. Insieme creano il progetto di musica alternativa in lingua inglese “Still Life With Cat” del quale Di Zio è sia autore dei testi che co-produttore;
  • 2014, “Giò” ultimo album scritto insieme a Giò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.