Nel Giorno del Ricordo, al Pollione il Generale Fazio

AVEZZANO – Con la magistrale esposizione del Generale di Divisione dell’Esercito Italiano Vero Fazio, il Liceo Scientifico “Vitruvio Pollione” ha commemorato la Giornata del Ricordo, dedicata alle vittime delle foibe della Venezia Giulia, del Quarnaro e della Dalmazia, così come istituito dalla Legge 30 marzo 2004 che fissa al 10 febbraio la data nella quale rievocare le terribili stragi.

L’iniziativa è stata presa dai rappresentanti d’istituto e della consulta  Riccardo Angeloni, Diego Di Cesare, Angelo Di Cosimo, Stella Tomasso, Chiara Ciciotti, Rina Marcanio che, pienamente appoggiati dalla dirigente scolastica prof.ssa Nicolina Tania Ulisse e coordinati dai proff. Arnaldo Mariani, Franca Chichiarelli, Roberta Placida e Domenica Sabatini, hanno organizzato l’attività proprio con l’intento di sensibilizzare al ricordo la terribile strage.

Il Generale Vero Fazio, studioso di vicende legate alle due guerre mondiali e anche di tematiche in vari modi connesse e interconnesse con i bui eventi, ha esposto, davanti ai rappresentati delle classi quinte in presenza e a tutti gli altri studenti attraverso via telematica, la terribile storia delle foibe che, da naturali inghiottitoi tipici dei rilievi carsici, si trasformarono in tombe per  migliaia e migliaia di persone la cui colpa, dinanzi agli invasori titini, era quella di essere italiani dei territori di Fiume, dell’Istria e della Dalmazia.

Chi riuscì a salvarsi dovette abbandonare le città e i possedimenti e andare esuli presso altri territori italiani.

Con il suo accalorato eloquio, il Generale Fazio ha appassionato gli studenti alla narrazione senza sottacere, anzi ponendo l’accento sulle importanti questioni di tipo militare, politico, sociale e umano della vicenda e sostenendo, senza se e senza ma, la necessità di continuare a narrare quanto accaduto “andando oltre ogni tendenziosità e polemica politica e bisogna conoscere, perché solo la conoscenza e la cultura possono renderci persone migliori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.