Nereto. Nuovi e ambiziosi obiettivi per il comitato promotore del no alla Wash che chiede concretezza

NERETO – “Sono passati solo 10 giorni dalla bocciatura del progetto presentato al Comitato Via in Regione per la piattaforma di trattamento di rifiuti liquidi della Wash Italia di Nereto, e noi siamo di nuovo operativi” scrive in una nota il presidente del Comitato.

Raffaele Quaglia

“Siamo soddisfatti certo dell’obiettivo raggiunto frutto di un lavoro lungo e faticoso ma ciò non basta. Il Comitato ci tiene a ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto questa battaglia ma pone agli stessi ancora una nuova sfida: il risanamento della nostra terra. Infatti il fronte del no, ricevuto dal presidente Marsilio la settimana scorsa, ha avanzato delle richieste che intende condividere con tutti i cittadini proprio nell’assemblea che si terrà venerdì 21 Febbraio alle ore 20.30 nella sala comunale Allende di Nereto. Ecco quali sono gli impegni richiesti alla Regione Abruzzo che saranno condivisi in fase di incontro: piano di dislocazione degli impianti per il trattamento dei rifiuti; piano di risanamento del bacino del Vibrata; avvio del Contratto di Fiume; riconversione dell’agricoltura convenzionale in agricoltura organica.

L’esperienza del fronte del no alla Wash ha portato un grande insegnamento, cioè che le grandi battaglie si vincono uniti e che sta nascendo una nuova coscienza di un territorio che fa sentire la sua voce e reclama attenzione – continua Raffaele Quaglia – . Il Comitato si farà propulsore di questa nuova coscienza monitorando e mettendosi a disposizione dei cittadini che invitiamo ancora una volta ad unirsi a noi.
Ci auguriamo pertanto che tutti i soggetti interessati, cittadini, enti, associazioni, colgano l’invito alla partecipazione. Vi aspettiamo dunque venerdì sera per ribadire che ha vinto il buon senso” conclude il presidente del Comitato “Uniti per un futuro vivibile e pulito”. Raffaele Quaglia
Presidente “Comitato Uniti per un futuro vivibile e pulito”