Nuova grana per la dirigenza ASl1. I sindacati non firmano l’accordo sui premi Covid ai dipendenti. Un record…

Foto ANSA

AVEZZANO – Nuova grana per la Asl1 Avezzano, Sulmona L’Aquila e la dirigenza con in testa il manager Roberto Testa. Niente firma dei sindacati all’accordo sulla premialità Covid per i dipendenti della Asl stessa.

Parametri e principi ispiratori del provvedimento, dicono all’unisono, in due distinti documenti, Cgil e Cisl Funzione Pubblica e Medici, nom possono essere stottoscritti da chi rappresenta i lavoratori.

Paola Puglielli

Questa la nota della Fp Cgil Abruzzo e Fp Cgil Medici Abruzzo e Molise, di Paola Puglielli e Maria Piccone: «La FP CGIL e la FP CGIL Medici Abruzzo Molise ieri non hanno sottoscritto l’accordo con la Regione Abruzzo per il pagamento della premialità alle lavoratrici ed ai lavoratori del Servizio Sanitario Regionale per l’emergenza COVID 19. Ben oltre le questioni relative al metodo con cui l’Ente regionale approccia le parti sindacali, convocate per firmare un accordo sul quale le posizioni erano notoriamente e sicuramente ancora lontane, nel merito dell’intesa numerose le questioni non condivise ed inaccettabili nel rispetto di tutte le lavoratrici ed i lavoratori che, anche nel periodo dell’emergenza da COVID 19, hanno profuso il massimo impegno per garantire le attività di cura alla popolazione abruzzese. L’accordo  proposto è fortemente divisivo perché, diversamente da quanto richiesto,  non tiene conto di quanto le lavoratrici ed i lavoratori  in servizio nel periodo emergenziale, specie nei mesi di marzo ed aprile, durante il quale, è noto a tutti, quali siano state  le condizioni di lavoro nelle aziende e negli enti del servizio sanitario regionale, hanno contribuito, certo su una scala di graduazione diversa, affinché il servizio sanitario pubblico regionale non implodesse. Invece si escludono tante lavoratrici e tanti lavoratori. Anche quelli in quarantena oltre tutti i professionisti che pur facendo parte del servizio sanitario regionale non hanno un rapporto di lavoro diretto alle dipendenze delle Aziende (convenzionati/specializzandi/ecc.). Se il rinvio alla contrattazione aziendale è un aspetto positivo, per altro da noi richiesto,  pensiamo però che non prevedere dei margini ragionevolmente ampi e cogenti e delle risorse adeguate entro le quali poi la contrattazione decentrata avrebbe potuto dare l’auspicato e  giusto riconoscimento al contributo di tutti  equivale esclusivamente a spostare il problema a livello di singola azienda aprendo conflitti e divisioni tra lavoratrici e lavoratori e per noi questo è inaccettabile, come pure prevedere che tale premialità vada erogata in base ad una ulteriore valutazione successiva quindi ulteriore rispetto alla presenza durante l’emergenza. Molte le richieste di parte sindacale non recepite neppur parzialmente dai tempi di vestizione, che fagocitano le miglior condizioni già in essere almeno in una Azienda, alla esclusione dei dipendenti del IZS di Teramo come pure di tanti professionisti che a vario titolo hanno fatto fronte comune all’emergenza. Molto blando l’impegno per i lavoratori dei servizi esternalizzati circa la premialità e nessun impegno politico sui noti temi, rete ospedaliera e territoriale, RSA, livelli di assistenza, integrazione socio-sanitaria, rispetto ai quali le organizzazioni sindacali confederali, in questo caso unitariamente, hanno chiesto prima, durante e dopo il periodo emergenziale di avviare il confronto non ricevendo nessun riscontro. Temi sottolineiamo che fortemente impattano sul diritto alla salute dei cittadini ma sono altrettanto ineludibili anche ai fini della qualità del lavoro nelle ASL e negli enti del SSR e pertanto di primaria importanza per le lavoratrici ed i lavoratori della sanità abruzzese. Non siamo e non saremo disponibili ad accordi forzati e lontani per altro dal mandato ricevuto dalle iscritte e dagli iscritti».

Vincenzo Mennucci

Cambia di poco la musica con le tesi che porta avanti al Cisl-Fp Abruzzo e Molise di Vincenzo Mennucci: «La CISL FP non ha sottoscritto l’accordo con la Regione Abruzzo per il riconoscimento della premialità alle lavoratrici ed ai lavoratori impegnati nelle aziende e negli enti del Servizio Sanitario Regionale, i quali durante l’emergenza Covid-19 hanno duramente operato al fine di preservare la comunità abruzzese. Essi meritano ben altro trattamento. Seppur le modalità di ripartizione delle risorse ed il rinvio alla contrattazione decentrata aziendale vengono recepite positivamente, riteniamo comunque che alle condizioni rappresentate, le regole individuate non possono garantire il giusto riconoscimento al sacrifico dato dalle professioni sanitarie durante la lotta al virus. Crediamo sia fondamentale definire nella sede regionale, in maniera chiara, il perimetro generale entro il quale fissare i criteri utili al riconoscimento dello sforzo messo in atto da tutti.  Di fatti, la premialità và erogata subito e non in base ad una valutazione successiva, quindi ulteriore rispetto alla presenza durante l’emergenza. L’ultima proposta della Regione Abruzzo non tiene conto delle effettive condizioni in cui hanno operato le lavoratrici ed i lavoratori tutti nel periodo emergenziale, uomini e donne impegnati in prima linea nelle aziende e negli enti del servizio sanitario regionale a tutela della collettività. L’accordo riduce di fatti il tutto ad una mera verifica del grado di raggiungimento di indefiniti obiettivi e per di più esclude dalla premialità tante lavoratrici e tanti lavoratori di cui non si fa minimamente riferimento quali: i dipendenti dell’IZS di Teramo, i liberi professionisti, i lavoratori appartenenti ai servizi esternalizzati e dei somministrati per i quali è stata avanzata solo una volontà a cercare eventuali risorse aggiuntive. Le richieste di parte sindacale più volte avanzate, sono state appena recepite per alcuni versi e cadute nel vuoto più assoluto per altri, pertanto, riteniamo che la proposta della Regione Abruzzo vada migliorata al fine di restituire dignità a chi è stato impegnato in prima linea per il bene di tutti. Solo allora la CISL FP, potrà sottoscrivere l’accordo regionale di premialità Covid-19».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.