Partono i lavori di ammodernamento nei campi sportivi di Paterno e di San Pelino

AVEZZANO – Sono partiti ufficialmente, in questi giorni, i lavori di ammodernamento e posa a terra della nuova pozzolana nei due campi sportivi di Paterno e di San Pelino.

Lavori che riguarderanno prettamente il volto dei due campi di gioco, aree di allentamento quotidiano. in cui spesso, nei pomeriggi non solo estivi, si riversano i più giovani cittadini delle due frazioni avezzanesi.

«I lavori, che sono stati già avviati, prevedono un primo passaggio con la livella laser, al fine di poter dare regolarità al fondo del terreno di gioco. – spiega il consigliere delegato per la frazione di San Pelino, Ernesto Fracassi -.

Ernesto Fracassi

Successivamente si procederà alla posa della pozzolana e, infine, al passaggio con rullo per compattare il tutto.

Quest’opera si rende necessaria per far sì che l’azione degli agenti atmosferici da un lato e gli allenamenti delle squadre di calcio della Sampelinese e del San Giuseppe di Caruscino dall’altro, non vadano ad inficiare troppo sul fondo del campo di gioco».

L’obiettivo dell’Amministrazione, quindi, è rendere i campi più sicuri e duraturi nel tempo.

«Con l’auspicio – continua Fracassi – che la stagione agonistica appena iniziata sia, per quest’anno, foriera di grandi soddisfazioni per entrambe le compagini.

Voglio augurare, a tal proposito, un grande in bocca al lupo alle società calcistiche, nella speranza che possano primeggiare nei rispettivi Campionati di calcio, tenendo alta la bandiera delle due frazioni».

«I nostri ragazzi devono poter giocare in luoghi curati, moderni e mai trascurati. – commenta il consigliere comunale delegato per la frazione di Paterno, Lucio Mercogliano -.

Lucio Mercogliano

Dopo due anni di totale abbandono, il campo sportivo di Paterno torna ad essere considerato come si deve: si cominciano ad effettuare lavori di straordinaria e ordinaria manutenzione, partendo proprio dalla base, ovvero dal terreno di gioco».

Per l’assessore allo Sport, Pierluigi Di Stefano, «operare sui luoghi sociali, della cultura e dell’aggregazione sportiva, non solo del centro-città, significa investire sul territorio a 360 gradi, in ogni suo spazio e dimensione.

Su quei campi si allenano le categorie minori delle squadre di calcio; anche ai campionati di minor enfasi dobbiamo riconoscere dignità».

Pierluigi Di Stefano

La missione rigenerazione, però, continuerà con la realizzazione di progetti e l’intercettazione di finanziamenti per un totale restyling dell’impianto sportivo.

«Intanto mettiamo mano al primo step: si sta provvedendo al ripristino integrale del terreno da gioco.

Contestualmente, stiamo stilando un report – conclude Mercogliano – su difficoltà e criticità che si stanno riscontrando, via via, nei vari impianti sportivi delle frazioni.

Si provvederà, in un secondo momento, a realizzare anche interventi termoidraulici e lavori che riguarderanno in maniera mirata gli impianti di illuminazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.