Radiologia di Sulmona senza dirigenti medici. La Cgil pronta a proteste e ad azioni legali contro la Asl1

SULMONA – Servizio radiologia dell’ospedale di Sulmona in carenza di dotazione organica, soprattutto di dirigenti medici, la Cgil pronta a proteste e ad atti legali nei confronti dei responsabili della Asl1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila, ovvero quella del manager Roberto Testa.

Per mano del segretario generale della Fp-Cgil provinciale dell’Aquila, Anthony Pasqualone, la Cgil, il 14 maggio scorso, aveva presentato alla Asl1 una diffida affinchè, constatata la grave carenza di dirigenti medici nel servizio radiologia dell’ospedale di Sulmona, servizio che mai come in questo momento può definirsi essenziale, la dirigenza della stessa Asl1 e del nosocomio peligno prendessero immediati provvedimenti per sopperire a questa non procrastinabile situazione.

Ora, a circa un mese da quella diffida, non avendo avuto alcun riscontro, né scritto né tantomeno nei fatti, in sostanza all’ospedale di Sulmona nulla è cambiato e la Asl1 non avrebbe preso ancora alcuna determinazione, il sindacato ha inviato un sollecito alla dirigenza dell’azienda sanitaria aquilomarsopeligna, affermando che «sin da ora, in difetto di immediate azioni risolutive, verranno avviate tutte le azioni di lotta e protesta a tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori». Pasqualone, insomma, avverte al Asl1. O si procede con il reperimento di questo personale, normalizzando così la situazione nella radiologia dell’ospedale di Sulmona, o a breve partiranno denunce, ricorsi e, ovviamente, proteste, stati di agitazione e scioperi.

Misteri del sistema di amministrazione delle aziende sanitarie in questa regione dove, a quanto pare, sono considerate vere “aziende” solo a corrente… alternata. Come nostra abitudine, vi offriamo in formato Pdf e immagine i documenti prodotti dalla Fp-Cgil provinciale dell’Aquila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *