Sanità. Asl Avezzano – Sulmona – L’Aquila condannata a pagare la pronta reperibilità

Sede Asl1 ad Avezzano

Soddisfazione per il risultato conseguito espressa dalla Fp-Cgil di L’Aquila

L’AQUILA – Brutte notizie per la Asl 1 Avezzano – Sulmona – L’Aquila. Sotto l’albero di Natale, infatti, è arrivata una sentenza del giudice del lavoro di L’Aquila che la condanna a pagare le indennità di pronta reperibilità ai lavoratori che ne avevano diritto e l’avevano maturata pienamente. La sentenza è giunta a conclusione di un lungo iter giudiziario avviato da un ricorso promosso e sostenuto dalla Fp-Cgil provinciale di Anthony Pasqualone, con l’avvocato Francesca Ramicone.

Questa la nota di pena soddisfazione espressa da Anthony Pasqualone, segretario della Fp-Cgil: “Il Giudice del Lavoro ha condannato la ASL 1 Avezzano Sulmona L’Aquila al pagamento, nei confronti dei ricorrenti, delle indennità di pronta disponibilità per i turni svolti, da gennaio 2014, oltre il sesto mensile.

Anthony Pasqualone segretario Fp-Cgil L’Aquila

La FP CGIL della Provincia dell’Aquila, dopo continue sollecitazioni rivolte all’Azienda Sanitaria, rimaste nel tempo inascoltate, ha depositato a dicembre 2018 tramite l’Avvocato Francesca Ramicone, un ricorso per riconoscere ai lavoratori della ASL la giusta retribuzione per l’attività di pronta disponibilità svolta dai lavoratori della stessa Azienda.

A distanza di un anno dalla presentazione del ricorso il Giudice del Lavoro ha dato ragione alla FP CGIL condannando la ASL al pagamento di somme che per ogni lavoratore vanno da un minimo di 4.000,00 € fino ad 8.000,00 € riconoscendo pertanto il loro diritto a percepire la retribuzione dovuta per i turni di pronta disponibilità svolti oltre il sesto mensile.

Sono anni che la FP CGIL denuncia situazioni di mancato rispetto delle vigenti norme legislative e contrattuali e l’odierna sentenza rappresenta un passo verso il ripristino della legalità restituendo ai lavoratori i propri diritti.

Non possiamo non dichiararci soddisfatti dell’esito ma, contestualmente, riteniamo necessario ribadire che  un serio confronto con le Organizzazioni Sindacali da parte della ASL sia il presupposto prioritario per il “bene comune” poiché un lavoratore a cui vengono garantiti i propri diritti equivale ad un lavoratore che viene messo nelle condizioni di poter svolgere al meglio il proprio lavoro e, nel caso di specie, garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini.

La FP CGIL continuerà ogni utile azione di lotta a tutela dei diritti di tutti i lavoratori della ASL i quali sono costretti a garantire un servizio essenziale, quello sanitario, in condizioni che costantemente violano le vigenti norme contrattuali. Desideriamo infine ringraziare pubblicamente l’Avvocato Ramicone per l’ottimo lavoro svolto e, ovviamente, per il risultato ottenuto. Il Segretario Generale Fp-Cgil Provincia dell’Aquila, Anthony Pasqualone”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.