Sanità. Tagliacozzo e Pescina sentitamente ringraziano per la gradita sorpresa

Settanta ann or sono marsicani sulle barricate per terra e lavoro. Cosa accadrà per il diritto alla salute?

TAGLIACOZZO – Non capita spesso in questi giorni di pandemia, allorquando è di più stretta necessità la tutela della salute e dell’urgenza di cure, apprendere finalmente la “buona notizia”. Gli ospedali di Tagliacozzo e Pescina verranno, al momento, dimezzati. Per logica, nell’immediato futuro, seguirà lo smantellamento completo. Funzioneranno part-time, come si dice, per la gioia degli attuali “conducatores” regionali che finalmente riescono a realizzare un sogno represso negli anni: demolire pezzo per pezzo i cosiddetti piccoli ospedali, condannati a morte per consunzione già da lunga data. Che bello! E’ importante, comunque, che i 1.623 tagliacozzani e i 919 pescinesi, oltre alle altre migliaia e migliaia di cittadini che orbitano nei rispettivi circondari e che hanno contribuito alla schiacciante vittoria del centrodestra con il loro consenso, sappiano rivolgersi ai loro eletti, Angelosante e Quaglieri, per ringraziare del gradito e inaspettato “dono” ricevuto.

Ma Salvini, Meloni, Tajani ed altri, sono o no al corrente delle scempiaggini perpetrate dai loro luogotenenti territoriali a danno di centotrentamila marsicani?  Perché non fanno un blitz nella Marsica per rendersi conto di quanto sta accadendo in questa terra sulla sanità? Si guardava con fiducia al nuovo manager, specialista in organizzazione dei servizi ospedalieri e nel contrasto delle malattie delle povertà, esperto in “problem solving”, ovvero presunto risolutore di problemi per determinate situazioni critiche. Niente da fare. Non ha risolto un bel nulla. Per la gioia e la soddisfazione dei nuovi “conducatores” ai quali non dovrà sfuggire l’antico adagio marsicano che recita: “Una sola volta passò Carlo per Fucino”. A buon intenditor, poche parole.

1 thought on “Sanità. Tagliacozzo e Pescina sentitamente ringraziano per la gradita sorpresa

  1. Penso e spero che la cittadinanza Marsicana tutta prenda coscienza della lontananza della sinistra e destra al consiglio regionale dai problemi sanitari e non solo dei cittadini marsicani. Non siamo nei cuori e pensieri dei nostri amministratori della Regione. La prossima votazione regionale bisogna stare molto attenti a chi si pensa di candidare. Ci vorranno uomini intelligenti, colti e con le p….le , nella Marsica ci sono, lasciamo loro spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *