Sentenza Bussi. Le reazioni. Marcozzi (M5S): “Si inizino i lavori subito”. Pezzopane (Pd): “Sentenza storica. Subito bonifica delle aree”

L’AQUILA – La sentenza del Consiglio di Stato di oggi, che ha condannato la Edison a risanare e bonificare l’area di Bussi, vittima di un inquinamento causato dal deposito il legale di rifiuti tossici, nocivi e pericolosi, ha subito prodotto le reazioni della politica.

Sara Marcozzi

“La notizia che il Consiglio di Stato abbia definitivamente riconosciuto Edison quale soggetto che dovrà provvedere alla bonifica delle aree inquinate 2A e 2B rappresenta, finalmente, un punto fermo del più grave disastro ambientale che si è perpetrato per anni nella nostra regione. Adesso che non esistono più incertezze, non c’è più nessun motivo per aspettare. Chi ha sbagliato deve pagare fino in fondo, a cominciare dall’urgenza di dare il via alle bonifiche il più in fretta possibile. I cittadini di Bussi e dell’intera Val Pescara aspettano giustizia. Hanno già pagato un prezzo troppo alto in questi anni, e il ripristino dello stato naturale dell’ambiente, adesso che sappiamo con chiarezza chi ha la responsabilità dei lavori, non ha più motivo di essere ulteriormente rimandato per rimpalli di responsabilità”. Lo afferma il Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi, componente della Commissione d’inchiesta regionale sul caso Bussi.

Stefania Pezzopane

“Quella del Consiglio di Stato è una sentenza storica, che pone fine a qualunque dubbio. Edison dovrà provvedere alla bonifica delle aree inquinate 2A e 2B e delle terre intorno a Bussi sul Tirino in provincia di Pescara. Le responsabilità sono state finalmente accertate, Edison ha purtroppo inquinato quelle zone, ed Edison deve provvedere a bonificarle, pulirle, ripristinarle come erano precedentemente. Una sentenza attesa da tanti abruzzesi, che ci auguriamo possa servire da esempio per tutti coloro che non rispettano il territorio e la natura. Dobbiamo avere cura di queste nostre terre, il miglioramento e la salvezza della Terra passano anche da queste battaglie.” Lo dichiara Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

Salvatore Lagatta

“Ora il Ministero firmi subito il contratto con la società che si è aggiudicata la gara per la bonifica delle due discariche della Montedison: se prima poteva esserci il pericolo di una rivalsa della Edison, ora con questa sentenza tutto viene a cadere. Quindi il Ministero dell’Ambiente faccia il contratto e si parta con i lavori”.

Lo dichiara all’ANSA il sindaco di Bussi Salvatore Lagatta commentando la sentenza del Consiglio di Stato che ha condannato in vi definitiva la Edison a bonificare le due discariche 2A e 2B del sito dei mega veleni di Bussi. “Ci sono i 50 mln disponibili a suo tempo stanziati col contributo di Giovanni Legnini – prosegue Lagatta – ora non ci sono più ostacoli o scuse per iniziare i lavori”.

20 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *