Sesso con un minore. Arrestato dalla Mobile insegnante a L’Aquila

L’AQUILA – Nel primo pomeriggio di ieri, la Seconda Sezione Reati contro la Persona di questa Squadra Mobile, ha dato esecuzione alla Misura Cautelare degli Arresti Domiciliari emessa dal Gip presso
il Tribunale di L’Aquila dott. Baldovino de Sensi, nei confronti di un insegnante di 48 anni, Dirigente Scolastico di due Istituti di Scuola Secondaria di II grado di questa Provincia attualmente sospeso dal servizio.

L’ordinanza è stata emessa a seguito di attività di indagine esperita da questa Squadra Mobile e coordinata dal Dr. Guido Cocco, Sostituto Procuratore presso la Procura Distrettuale della Repubblica presso il Tribunale di L’Aquila, in quanto ritenuto responsabile del reato di
prostituzione minorile posto in essere nei confronti di un minore degli anni diciotto di questa provincia con il quale l’indagato avrebbe compiuto più volte atti sessuali in cambio di denaro. Tale corrispettivo economico sarebbe stato elargito a volte mediante consegna diretta di somme di denaro in contante oppure effettuando ricariche su una carta Postepay nella disponibilità del minore.

L’attività di indagine è scaturita da quella già in corso presso la Procura della Repubblica di Chieti, in relazione alla quale il 19 giugno scorso era stata eseguita altra Ordinanza Applicativa della
Misura Cautelare degli Arresti Domiciliari emessa dal GIP presso il Tribunale di Chieti, dott. Andrea Di Berardino, su richiesta del Pm Doottoressa Marika Ponzinai, per il reato di atti sessuali con
minorenni ed alla quale il predetto è tuttora sottoposto. In tale pregressa contestazione era emerso che, il preside, abusando dei poteri connessi alla propria funzione, avrebbe compiuto ripetutamente atti sessuali con un proprio alunno minore degli anni 18 sia all’interno della scuola, all’epoca da lui diretta e frequentata dallo stesso minore nonché conducendolo, sempre in orario scolastico, presso una propria abitazione sita in altro Comune di
questa provincia.

A tale ulteriore contestazione operata dalla Procura Distrettuale si è pervenuti dall’analisi del materiale informatico già sequestrato nel corso di pregressa perquisizione domiciliare effettuata a carico dell’arrestato. E’ infatti emerso che, era consuetudine, da parte del Preside, contattare i minori che con lui interagivano attraverso chat dedicate ad incontri per uomini.

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *