Solidarietà al Sindaco di Vasto Menna da D’Alberto, Fina, Smargiassi e Bocchino: «Atto grave contro un uomo impegnato sulla legalità»

AVEZZANO – Messaggi di solidarietà dal mondo della politica e dell’associazionismo al Sindaco di Vasto, nonché Presidente delle Provincia di Chieti, Francesco Menna, a seguito del misterioso incendio della notte passata, cui è stata fatta oggetto la sua autovettura.

Episodio intimidatorio nei confronti di un personaggio impegnato sui temi di legalità e sicurezza è la chiave di lettura del Presidente dell’Anci Abruzzo, Gianguido D’Alberto.

I messaggio di Gianguido D’Alberto per l’Anci Abruzzo

Gianguido D’Alberto

«La notizia dell’incendio della macchina del Sindaco di Vasto Francesco Menna è un episodio intimidatorio nei confronti di un amministratore impegnato sui temi della sicurezza e legalità del suo territorio.

Nei giorni scorsi Menna aveva segnalato la necessità di fronteggiare le infiltrazioni della delinquenza organizzata pugliese che nel basso chietino sta da tempo cercando di radicarsi.

I sindaci hanno dimostrato di essere un baluardo contro queste attività, vanno rafforzate le sinergie fra le istituzioni preposte Prefetture, Forze dell’Ordine, Procure per fronteggiare questo fenomeno.

Esprimo al Sindaco Francesco Menna la mia solidarietà personale e di tutta la comunità degli amministratori di Anci Abruzzo».

Il Sen. Michele Fina chiede che sia fatta piena luce

Michele Fina

Michele Fina, senatore e segretario del Partito Democratico abruzzese, parla di atto che colpisce un Sindaco che non ha mai avuto paura di decidere e smontare interessi consolidati nell’interessi dei cittadini.

«In attesa che si faccia chiarezza attraverso le indagini sull’attentato che lo ha colpito, la comunità del Partito Democratico abruzzese esprime sostegno e solidarietà a Francesco Menna, sindaco di Vasto e presidente della Provincia di Chieti.

Francesco Menna è un Sindaco che non si tira indietro dal compito di decidere, senza tentennamenti e temporeggiamenti.

Non ha mai avuto paura di smontare interessi consolidati nell’interesse delle cittadine e dei cittadini della sua città.

Per questo ha raggiunto un consenso larghissimo nelle elezioni che lo hanno riconfermato qualche mese fa.

Auspichiamo che sia fatta piena luce sull’aggressione che ha subito».

Pietro Smargiassi del M5S parla di atto che impone fermezza sulla legalità

Pietro Smargiassi

Pietro Smargiassi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, definisce l’accaduto un fatto gravissimo che deve indurre a non avere incertezze e tentennamenti nella ricerca e nella tutela della legalità.

«Esprimo solidarietà e vicinanza al sindaco di Vasto, Francesco Menna, per l’incendio occorso ai danni della sua auto.

Le indagini sulla natura del rogo sono ancora in corso ma, qualora si dovesse profilare l’origine dolosa dell’incendio, ci troveremmo davanti ad un fatto gravissimo.

In questo momento è necessario far lavorare le forze dell’ordine per far luce sull’evento. Una cosa è certa, non bisogna mai abbassare la guardia nella ricerca e nella tutela della legalità.

Se il fatto di oggi dovesse risultare un atto intimidatorio mi auguro che tutto quanto necessario alla ricerca del colpevole sia avviato il prima possibile».

La portavoce della Lega Abruzzo Sabrina Bocchino: «Differenza politiche cadono. Atto vigliacco. Subito chiarezza»

Sabrina Bocchino

«Tutta la mia solidarietà al Sindaco della Città del Vasto e Presidente della Provincia di Chieti Francesco Menna per il vile gesto subito.

In casi come questi – afferma la portavoce e consigliera regionale della Lega Sabrina Bocchino – , ogni differenza politica viene messa da parte.

Qualora le indagini in corso confermino la natura dolosa dell’incendio che ha distrutto l’auto del primo cittadino, ci troveremmo di fronte ad un inaccettabile atto vigliacco e criminale da condannare senza esitazione alcuna.

Da tempo chiediamo maggiore sicurezza e protezione per il nostro territorio – conclude – e sono sicura che il Governo saprà ascoltare la nostra richiesta di aiuto e adottare le dovute misure per limitare drasticamente gli episodi di criminalità e tutelare l’incolumità di tutti i cittadini abruzzesi».