Sottrasse soldi e preziosi per diecimila euro a una coppia di anziani con la truffa del “Finto Nipote”. Campano arrestato dalla Polizia

CHIETI – Aveva truffato diecimila euro, fra soldi e oggetti, ad un’anziana coppia di coniugi di Chieti col sistema del “Finto Nipote”, quarantasettenne napoletano arrestato dalla Polizia.

La Squadra Mobile della Questura di Chieti ha eseguito un ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 47 anni, di Napoli, accusato di aver commesso, a Chieti, una truffa aggravata ai danni di una coppia di anziani coniugi.

Il malvivente campano, utilizzando il metodo della telefonata del “finto nipote” in difficoltà, era riuscito ad asportare denaro e beni del valore complessivo superiore a 10.000 euro.

Il campano, infatti, aveva fatto la telefonata dicendo del nipote in difficoltà che aveva del denaro e che sarebbe passata una persona di sua fiducia a prendere la somma necessaria per risolvere la questione che aveva in sospeso.

Con questo metodo, quindi, si è presentato dalla coppia di anziani teatini riuscendo a farsi consegnare denaro e oggetti preziosi. Solo dopo, però, i due hanno compreso l’accaduto ed hanno riferito alla Polizia della disavventura.

Le indagini messe in campo dalla Sezione Reati contro il Patrimonio della locale Squadra Mobile, unitamente alla visione delle immagini di videosorveglianza acquisite, hanno consentito di ricostruire anche gli spostamenti dell’uomo e dei mezzi di locomozione utilizzati per raggiungere Chieti dalla Campania.

La Procura della Repubblica di Chieti, che ha accolto le risultanze investigative, ha richiesto ed ottenuto, l’emissione del provvedimento cautelare dal Gip presso il Tribunale di Chieti.

Un episodio che ci porta a ripetere l’appello ad anziani e a persone che vivono da sole a non dare credito e seguito a situazioni e persone che si presentano con simili storie, quantomeno verificando prima, con i propri congiunti la veridicità dei fatti.

Ovviamente denunciare sempre a Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza e Polizia Locale persone e fatti di questa natura per aiutare le forze dell’ordine a togliere dalla circolazione malviventi senza scrupoli come questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.