Tamponi & Co. La Asl1 di Avezzano ha alcuni problemi con il Covid-19

AVEZZANO – 15 ottobre 2020, son trascorsi circa sei mesi dalla quarantena e gli accadimenti degli ultimi giorni destano una qualche preoccupazione. Infatti, per ragioni da accertare, si è diffuso il contagio tra i ragazzi dell’Istituto d’Arte e prima c’era stato un allarme simile al Liceo Classico, risultato: quarantena limitata nel  secondo e completa nel primo. Poi c’è stato l’episodio, assai preoccupante in verità, del contagio presso al Rsa Don Orione, che ha visto l’intervento del Sindaco e il successivo commissariamento della struttura.

La preoccupazione maggiore, in realtà, riguarda il discorso dei tamponi e della esecuzione dei test sulle persone poste in quarantena preventiva, infatti, sulla base delle istruzioni ricevute, avrebbero dovuto ricevere una telefonata dalla Asl con le relative istruzioni ed appuntamenti per eseguire i test, mentre ciò non è avvenuto oppure non è avvenuto nella maggioranza dei casi.

Tra l’altro ci è stato segnalato che alcuni laboratori privati avrebbero rialzato i prezzi del test, arrivando in qualche caso a toccare i 120 € per un tampone. Invariato, invece, il costo del tampone rapido eseguito presso un laboratorio nell’hinterland avezzanese (35€) anche se sulla puntualità delle esecuzioni è sorto qualche dubbio (appuntamenti mancati). Ieri, poi, è stata diffusa la notizia che il Sindaco si sarebbe attivato per avviare con la Asl e la Croce Rossa, presso l’Interporto di Avezzano, il funzionamento di una postazione di “Drive Through Covid” per la esecuzione di test rapidi in macchina.

Va segnalato che mentre nella Regione Lazio la Presidenza ha calmierato i costi dei test a mezzo tamponi o sierologici, analoga iniziativa non sia stata presa ancora dalla Presidenza della Regione Abruzzo, e la cosa sarebbe quanto mai importante perché, è vero che le leggi dell’economia regolano domanda ed offerta e il conseguente prezzo di mercato, ma questo discorso non deve essere applicato alla salute ed alla sicurezza sanitaria senza rischiare di avere connotati quantomeno discutibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *