Tre agenti penitenziari aggrediti nel carcere di Vasto. Merola (Cgil): «Situazione ormai inaccettabile»

L’AQUILA – Aggressione, ai danni di tre poliziotti penitenziari, di cui uno viene trasportato in ospedale per una considerevole frattura, presso la Casa Circondariale di Vasto. A denunciare il grave episodio è Giuseppe Merola, Coordinatore Regionale Fp-Cgil Abruzzo Molise-Comparto Sicurezza, che ancora una volta evidenzia e stigmatizza la gravità di queste vicissitudini nefaste per l’incolumità psico-fisica delle lavoratrici e dei lavoratori.

«La scorsa notte, tre poliziotti penitenziari si sono recati nella camera di pernottamento di un detenuto, già noto per reiterate condotte e soggetto con problematiche psichiatriche e di tossicodipendenze, in quanto hanno avvertito che dalla medesima proveniva odore di gas – continua Merola – e durante una scrupolosa attività mediativa/comunicativa, il detenuto si è scagliato con veemenza contro i tre poliziotti. Uno di essi è stato trasportato al nosocomio locale, a mezzo 118, per urgenti accertamenti del caso, con un riscontro di rottura della regione femorale.

Giuseppe Merola

Non possiamo più accettare queste situazioni che ledono la dignità dei lavoratori del comparto – chiosa il sindacalista – ai quali esprimiamo la nostra solidarietà per il riconoscente lavoro svolto, tenendo anche conto del prezioso contributo quotidiano offerto dagli operatori sanitari all’interno delle carceri. Tantissime volte, la Fp-Cgil ha sollevato la questione affinché venissero intraprese serie attività a tutela, specie rispetto alla macro problematica dei soggetti psichiatrici che meriterebbero un adeguato trattamento sanitario specifico in strutture apposite e non all’interno degli Istituti Penitenziari, tenendo conto delle sfavorevoli limitazioni strutturali/logistiche e della cronica carenza organica dei sanitari, nonché di poliziotti penitenziari, che afferiscono il carcere di Vasto ed i restanti Istituti abruzzesi. Auspichiamo interventi risolutivi e degni di attenzione – conclude Merola – , affinché le carceri siano luoghi di riabilitazione educativa e non teatri di violenza con condannabili escalation di fenomeni aggressivi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.